Saldi al via, il calendario

28 dicembre 2010 
<p>Saldi al via, il calendario</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

La fine delle feste lascia sempre dietro di sé un po' di tristezza e malinconia. Ma una nota positiva c'è: la conclusione delle vacanze natalizie coincide con il periodo dell'anno preferito da noi maniache dello shopping. Quale? L'inizio dei saldi naturalmente!

A Londra sono partiti il 26, giorno di Santo Stefano (nel Regno Unito Boxing Day). Tradizionalmente famosa per le file interminabili che si creano davanti a negozi e grandi magazzini durante il periodo delle svendite di fine stagione, anche quest'anno la capitale britannica è stata presa d'assalto da londinesi e turisti che, per soddisfare la loro voglia di shopping al 50%, hanno dovuto fronteggiare non soltanto lunghe attese a basse temperature, ma anche uno sciopero della metropolitana.

Per quanto riguarda l'Italia, la corsa alle occasioni partirà da Catanzaro, Napoli e Palermo, dove le liquidazioni avranno inizio i primissimi giorni dell'anno nuovo. Il 6 gennaio è invece la data stabilita da tutte le altre Regioni, eccezion fatta per Basilicata, Sardegna e Trentino Alto Adige che vedranno l'inizio delle svendite due giorni dopo rispetto alle altre, e Valle d'Aosta che fa slittare i saldi al 10 gennaio. Il periodo dello shopping a prezzi scontati durerà in tutta Italia, con alcune differenze da regione a regione, all'incirca 2 mesi.

Ecco il calendario completo:

1 gennaio: Calabria

2 gennaio: Campania e Sicilia

6 gennaio: Abruzzo, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Umbria, Toscana e Veneto

8 gennaio: Basilicata, Sardegna e Trentino Alto Adige

10 gennaio: Valle d'Aosta

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
PiKKuLa365 72 mesi fa

ovvio chiaretta!!! io aspetto con ansia il 2 gennaio!!

chiaretta28 72 mesi fa

Armiamoci di spranghe e guantoni, care stylist!!!!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).