Luce sulle scarpe di domani

05 gennaio 2011 
<p>Luce sulle scarpe di domani</p>

Sempre più giovani designer scelgono la luce come elemento decorativo da applicare alle creazioni di moda. Luci sugli accessori, sugli abiti (come quelli di Vega Wang) ma soprattutto sulle scarpe. Un'attitudine futuristica e quasi spaziale accomuna gran parte di questi progetti, che valorizzano, della luce, la sua essenza più tech.

Vi segnaliamo tre nomi "freschi" di designer che hanno usato la luce per le loro creazioni fashion: i primi due sono piuttosto familiari agli addetti ai lavori, mentre il terzo è meno noto ai più: stiamo parlando di Anastasia Radevich, Francesca Castagnacci e Alessio Spinelli.
La Radevich - che ha lavorato con un nome di ricerca come Nicholas Kirkwood - si è fatta conoscere per le sue scarpe scultura ma ha conquistato i magazine più importanti proprio grazie all'ultima collezione luminosa. Tecnologici e sofisticati, i suoi tronchetti sono illuminati da inserti in Luminex, una speciale fibra prodotta in Italia, che crea colorati filamenti luminosi.
Anche Francesca Castagnacci lavora con il Luminex. La designer non lo usa solo come inserto, bensì come parte costituente della scarpa. Getti di luce sprizzano da più punti o avvolgono il piede con spettacolari fasci luminosi.
Più lineare e minimal nel design è Alessio Spinelli (è sua la creazione nella foto), che, prestando grande attenzione alla qualità dei materiali, ha progettato un sandalo con una sottile luce al neon incastonata nella suola. Spinelli, che si sta facendo conoscere a livello internazionale per le sue creazioni più classiche, inserisce così nelle sue calzature una nota tecnologica senza però allontanarsi dal suo mood originale.

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Valentina M 71 mesi fa

La Castagnacci e la Radevich sono veramente talentuose!!!!

allie 71 mesi fa

forteeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).