Fast Fashion? Non fa per Prada

06 febbraio 2011 
<p>Fast Fashion? Non fa per Prada</p>
PHOTO LAPRESSE

Sognate un abito Prada a prezzi stracciati? Ebbene, anche se nell'armadio siete riuscite a infilare uno Stella McCartney, un Lanvin, e un Viktor & Rolf, con le creazioni di Miuccia potete mettervi l'animo in pace. Non c'è speranza.

La gran dama della moda italiana l'ha detto chiaro e tondo: il fast fashion non fa per lei. Dunque se illustri colleghi come Karl Lagerfeld o Sonia Rykiel in passato hanno messo il loro gusto sopraffino al servizio di colossi dell'abbigliamento a basso costo come H&M, di certo la signora Prada non seguirà le loro orme. "Non ho mai preso in considerazione questa ipotesi e ho spiegato perché. E' perché non mi piace l'idea di una brutta copia di quello che uno fa per il marchio principale", ha dichiarato la designer al quotidiano Usa WWD. "Se avessi un'ingegnosa idea per fare moda a un costo minore che non fosse la brutta copia di qualcos'altro, con criteri e modalità del tutto differenti, lo farei", ha aggiunto. "Ma per ora, quello che vedo è supergiù la brutta copia. Inoltre, con vestiti che costano così poco, viene da chiedersi perché costino cosí poco. Perché nessuno sembra chiederselo", ha sottolineato la stilista.

La Prada ha concluso, precisando che i prezzi dei prodotti di lusso sono più alti per via della notevole ricerca richiesta per la loro creazione e gli elevati costi di manifattura in Europa. "E' chiaro che queste cose costino molto. Non è che i titolari di marchi di lusso abbiano enormi profitti. Probabilmente i produttori di beni di massa guadagnano molto di più", ha affermato.

Tags:
Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

normalmente pagare un marchio "solo" perché è un marchio significa pagare per tutto l'investimento che comporta crearlo, se non avete idea provate a telefonare alla redazione di Vogue Italia(per dirne uno per tutti)e chiedete quanto costa mettere una pagina col vostro nome in bianoc e nero, poi metteteci su il costo di unservizio fotografico+modelle+stylist+supermegafotografo.....moltiplicato per 14 mesi all'anno e vi renderete conto di quanto costa comprare un qualsiasi capo (dalla maglia a 3 eur al chilo piuttosto che al jeans a 10 euro il paio.....prezzi di costo indicativi....)MOLTO-MOLTO di piú. ah non faccio nomi, BEATA IGNORANZA!!!!!

Dulce Gomes 71 mesi fa

Sonno d accordo con Miuccia. Come può una persona volere esprimere la propria individualità attraverso un vestito che e fatto dell immorale sfruttamento dei bambini. Sono d'accordo con la Miuccia, anche se non posso comprare tutti i vestiti di Prada che mi piaciono.

Indaco1975 71 mesi fa

è vero il suo discorso può essere accettabile e suoi sono prodotti stupendi ma dire che che prezzi dei prodotti di lusso sono più alti per via della notevole ricerca richiesta per la loro creazione e gli elevati costi di manifattura in Europa è un po' inopportuno e ipocrita. vuoi dire che che il prezzo pagato è solo per la ricerca e manufattura e neanche un po' perché si chiama PRADA? e chi mi garantisce poi che tutti i materiali - dal filo al bottone al tessutto - non siano oggetto di sfruttamento? neanche lei lo garantisce. della serie chi è senza peccato scagli la prima pietra....

giuly2009 71 mesi fa

Per fortuna c'è ancora qualcuno che dice le cose come stanno!

Gabriella 71 mesi fa

Io di Prada ho solo compertao ed amato le borse, il resto non mi piace. Sono d'accordo con lei sulle brutte copie , ma una donna di sinistra ,tale ella è, dovrebbe essere più masgnanima con le donne, e dire che non guadagna abbastanza ,mi sembra solo una cosa banale, la bellissima barca con cui è sceso in campo il marito,l'anno comprerata a rate?????????????Per favore!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

.....infatti, BRAVA MIUCCIA, SEI GRANDE!!!!!! normalmente questi marchi"low cost", dalla Spagna(non é solo H&M) in su sfruttano lavoro minorile e realtá in cui i diritti umani sono completamente IGNORATI. Miuccia, preferisco sbavare davanti ad una tua vetrina continuando a sognare coi tuoi vestiti ed accessori MADE IN ITALY piuttosto che spendere 10 euro a prezzo pieno ogni settimana e sembrare sempre una miserabile indossando capi realizzati da bambini che, invece di giocare e studiare come fanno i miei si alzano all'alba e restano fino al tramonto davanti ad una macchina da cucire senza neanche vedere la luce del sole.

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).