Leitmotiv, buona la prima!

01 febbraio 2011 
<p>Leitmotiv, buona la prima!</p>

Il successo dei Leitmotiv, al secolo Juan Caro e Fabio Sasso, dimostra almeno tre cose, che dovrebbero essere di buon auspicio per i giovani designer che vogliono tentare la strada della moda.
Primo: si può emergere anche senza vivere e lavorare nell'epicentro del Made in Italy, Milano. Fabio e Juan vivono (felicemente) a Bologna, e non hanno nessuna intenzione di lasciare portici e tagliatelle.
Secondo: non sono le scorciatoie, le amicizie e gli "agganci" l'unica strada per farsi notare e conoscere. I due ragazzi mantengono, nonostante i tanti successi che hanno maturato nel giro di una manciata di anni, uno spirito incredibilmente naif, quasi stralunato. Eppure la stampa specializzata più attenta li segue, li pubblica e non risparmia complimenti nei loro confronti.
Terzo: le commistioni culturali non possono che generare frutti interessanti. Colombiano l'uno, italianissimo l'altro, percorsi formativi decisamente diversi alle spalle, Fabio e Juan sono la dimostrazione che il mix and match (non solo come trend!) è sempre una forza, mai una debolezza.
A Roma i Leitmotiv sfilano, per la prima volta nella loro storia, da soli in pedana. Emozionati? Molto. Ma la collezione riscuote applausi a scena aperta, e tutti i timori del pre-show svaniscono nel backstage, dove amici e giornalisti si accalcano per complimentarsi.
«La città è stata l'ispirazione per questa collezione, una città intesa come luogo nel quale si incontrano passato e futuro» racconta Juan, «ma non ci sono le nevrosi della vita urbana contemporanea. Qui ci sono solo positività e colore». La collezione ha un grosso pregio: quello di essere portabilissima e - di conseguenza, vendibilissima. Ma i Leitmotiv la vorebbero vedere indossata da una donna «colta, eclettica, raffinata, come Chloe Sevigny».
Immancabili le stampe, da sempre "leitmotiv" delle collezioni dei Leitmotiv: «nasco da studi artistici» continua Juan, «l'amore per le stampe è nel mio dna: l'immagine disegnata e dipinta è sempre stata una parte molto importante del mio essere».

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).