La mia settimana della moda

23 febbraio 2011 
<p>La mia settimana della moda</p>

Sfilate, passerelle, ospiti, la Settimana della Moda di milano è tutto questo, certamente. Ma non solo: eventi, feste, occasioni (più o meno) mondane, presentazioni di nuove collezioni e linee.

Style.it ha scelto di dare spazio anche a questo aspetto di queste frenetiche giornate, mandando in missione Manu per cogliere nuovi trend, suggestioni e idee fra atelier e show room.

Ecco il suo diario di viaggio. Inizia oggi e vi terrà compagnia per tutta la durate della settimana della moda.

La mia settimana della moda inizia con un giro fra nuovi filati, lavorazioni a maglia e capispalla per passare a nuovi designer, scarpe e borse.

Brunello Cucinelli
- Un lusso di presentazione! La collezione donna AW11 è lussuosa, preziosa e comoda nei colori naturali come i marroni e i grigi. Se non sapete lavorare a maglia ma volete un capo must per il prossimo inverno, cominciate ad organizzarvi per imparare! L'inverno prossimo sarà costellato di capi a maglia, lavorazioni grosse e quasi tridimensionali da portare sopra a vere e proprie t-shirt in cachemire e visone lavorati assieme, per un risultato che non può non passare inosservato.

Larusmiani - Uno dei punti forza della femminilità è la vita e Liborio Capizzi, per Larusmiani, lo sottolinea con cinture alte, altissime che ricordano quelle dei kimono giapponesi. La presentazione della collezione dello storico brand milanese è accompagnata da un'asta benefica a favore della Fondazione Umberto Veronesi. Nove ritratti di donna, icona dell'Italia, per meriti o professionalità, realizzati da Jo Fabbri su tessuti Larusmiani saranno messi all'asta a scopo di raccogliere fondi per la ricerca sul cancro.

Colombo - Oggi ho imparato una parola nuova: yangir. Alla presentazione della collezione AI 11/12 del Lanificio Colombo ho toccato uno deio filati più morbido e caldi che mi siano capitati fra le mani. Questo tessuto, risultato di una continua ricerca è ottenuto dal manto di una capra che vive tra i 5000 e i 7000 mt di altitudine in Mongolia e Kazakistan... e se tiene caldo a loro...
Il punto forte è la maglieria... rigorosamente fatta a mano, colli, coprispalle, microcardigan e giacchini da abbinare ad abitini o maximaglie fatte con gli stessi punti ma con meno filato, quindi più sottile.

Fausto Puglisi
- La presentazione dello stilista era ospitata nel concept store di Dolce & Gabbana in Via della Spiga in quanto Fausto Puglisi è stato coinvolto nel progetto "Young Designer" dei due guru della moda. L'insieme è divertente, colorato spensierato, versatile con capi che dal giorno passano alla notte solo con un cambio scarpe o con l'aggiunta di un accessorio.
Dicono che Jennifer Lopez abbia nel suo armadio qualche capo dello stilista... dicono...

Arfango - Lo storico marchio di scarpe ha fatto passi da gigante e si annovera tra i più famosi!
Qua sono debole. Lo sapete che come sento la parola "scarpa" non capisco più nulla, ma ho mantenuto la lucidità e le osservate: dettagli adorabili, microbottoni che ricordano i bustier, aperture a goccia che lasciano intravedere una porzione di piede, chiffon, velluto e cristalli che le rendono da gran sera, il tutto rigorosamente alla pochette da sera.
La cosa curiosa è la suola... che riporta sulla destra la scritta:"It's not who you marry that counts" (Non è chi sposi che conta...) e sulla sinistra "It's who you divorce!" (È da chi divorzi!).

ViaDellePerle
- Una presentazione spettacolare in una location, il Grand Hotel de Milan, che è un pezzo di storia milanese: in uno dei saloni al pian terreno si aprivamo veri e propri pacchi, enormi, pieni di abiti e accessori e in mezzo si muovevano alcune modelle. E io, che per un attimo mi sono sentita come Alice quando mangia la "torta in giù", guardavo in su e quasi non vedevo la fine di questi grandi armadi con all'interno un mondo magico di abiti e accessori.

Furla
- Fashion Hub+nero+borchie+pelle... e non solo! Le borse, e le scarpe di Furla della collezione AW11 sono belle, eleganti, comode, moderne! Sono quelle cose che non stancano mai, che ci fanno sentire al passo con i tempi e sono sfruttabili in tutte le occasioni, al lavoro o nel tempo libero, non passeremo inosservate.
Passeggiando nel salone che ospitava le novità di Furla non ho potuto fare a meno di chiedermi quale sia il numero adeguato di borse e scarpe da possedere e, ovviamente, non ho trovato una risposta, ma so che ho bisogno di una borsa nuova!

A domani!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
manu 70 mesi fa

Titti fanno delle cose fantastiche e fate a mano... cioè proprio tricottate sul serio... gliel'ho chiesto due volte perchè mi sembrava strano... :) e mi han confermato che i capi a punti grossi sono fatti a mano

Titti 70 mesi fa

Bellssima settimana, come mi manca però ^_^ Divertiti un sacco! Io ADORO il Lanificio Colombo!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).