Corto Moltedo inaugura a Milano (e sul web)

09 marzo 2011 
<p>Corto Moltedo inaugura a Milano (e sul web)</p>

C'è una nuova chicca nel quadrilatero: è la seconda boutique di Corto Moltedo. Un salotto informale per ospitare collezioni di accessori in cui spirito nomade e attitudine rock si mixano all'eccellenza dello stile italiano.

Con un party nel delizioso cortile, apre i battenti la boutique milanese di Corto Moltedo in via Santo Spirito 14. Centodieci metri quadrati un po'discosti dalla parata di vetrine di Via Montenapoleone: si presenta come una chicca da scovare l'approdo italiano del giovane designer. Figlio d'arte (i suoi genitori sono i fondatori di Bottega Veneta), cresciuto tra New York e Venezia, Corto ha imparato il mestiere sul campo, lavorando d'estate nella fabbrica di famiglia. Sette anni fa, ha lanciato la prima collezione a suo nome: oggi le sue borse sono sinonimo di uno stile pop-luxe-chic, e vengono sfoggiate da celebrities come Madonna.

L'atmosfera rarefatta della location - un palazzo storico - è scaldata da un arredamento eclettico, che accosta design e antiquariato, e da un pianoforte a coda che accoglie i visitatori all'ingresso. Un ulteriore richiamo all'ispirazione musicale, da sempre leitmotiv delle collezioni, a partire dalla clutch Cassette, autentico must-have del marchio. Anche nella collezione Primavera/Estate, il mood è anticonformista e ricercato: tra le novità di stagione Ninetta, una borsa neo-rétro ispirata alla nonna di Corto, perfetta da mattina a sera. Ma ci sono anche Peace of Mind, dall'inedita forma tonda, l'iconica Priscilla e le pochette Susan, disponibili in un'infinità di varianti.

E se non dovesse capitarvi di passare da Milano (o da Parigi, dove Corto Moltedo è presente con l'altra boutique, nel Palais Royal) ecco una buona notizia: da oggi sul sito è attiva anche la sezione di e-commerce.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).