Tom Ford (per lei) arriva in Italia

20 marzo 2011 
<p>Tom Ford (per lei) arriva in Italia</p>
PHOTO COURTESY TOM FORD

Ricordate lo show segreto a New York? Con Julianne Moore, Beyoncé e le altre a celebrare il ritorno dell'amico Tom Ford alla moda femminile? Ora gli abiti di questa prima collezione donna che portano il nome dello stilista texano sono in vendita - in esclusiva per quanto riguarda l'Europa - nel flagship store milanese della griffe.

Una mini collezione composta da abiti da cocktail e lussuosi abiti da sera, smoking da donna e pantaloni a sigaretta, che non è che un assaggio di quello che Tom Ford ha in serbo per il prossimo autunno.

"Vestiti fatti per una donna che dà valore al 'vestirsi'. - Ha commentato lo stilista - Una collezione legata all'arte sartoriale, la tradizione dell'abito da donna magnificamente costruito, dimenticata dalla moda per anni." Come per la linea maschile le collezioni non cambiano direzione ad ogni stagione, anche per la linea femminile Tom Ford ha voluto creare un guardaroba senza tempo. "Abiti eternamente chic", come li ha definiti lo stesso Ford. E a noi la definizione piace!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
lilithcarla 69 mesi fa

Sarebbe bello che la distribuzione dei vestiti fosse su larga scala quindi non solo del suo concep store.monogriffe ma fosse allargata a tutti i negozi Per ora però sono solo abiti da cocktail..Lui parla di tradizione sartoriale ma io non ho mai considerato Tom Ford un sarto ma un creatore di tendenze L'ho amato alla follia e ha sostituito Gianni Versace..nel mio cuore. Gli unici due stilisti che nella mia vita mi hanno fatto sognare. Ma Tom Fors è un pò come lo stilista di Balmain.Creano tendenze straordinarie ma che durano un paio di anni poi..come è successo da Gucci e ora da Balmain la loro vena geniale si affievolisce .

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).