Simboli ebrei in passerella: sì o no?

12 aprile 2011 
PHOTO GETTY IMAGES

Tra le sfilate di questi giorni, alla Mercedes Benz Fashion Week di Mosca, ce n'è stata una di cui si sta parlando e dibattendo. Quella del designer Saint Bessarion, che divide il pubblico per la chiara ispirazione alla cultura ebraica.

Le modelle hanno presentato la stagione Autunno/Inverno 2011-2012 ( GUARDA LA NOSTRA PHOTOGALLERY >>), indossando i cappelli caratteristici degli ebrei ortodossi, con le "peot" (ciocche di capelli che crescono tra le orecchie e la tempia) lasciate ricadere sui lati, proprio come insegna la Bibbia.
Una scelta offensiva per i fedeli? O un innocente riferimento alla cultura religiosa, a cui la moda è solita ispirarsi?
Ciò che è sicuro è che non si tratta della prima volta in cui il fashion system guarda ai simboli ebrei: prima di Saint Bessarion anche Jean Paul Gaultier ed H&M avevano fatto parlare di sé per questo motivo. Il primo dedicò un'intera sfilata a questa cultura, i secondi riprodussero un "tallit" (il mantello usato dai fedeli per pregare) vendendolo come un comunissimo scialle.

Situazioni simili, le possiamo riscontrare guardando a religioni differenti: rosari e icone cristiane sono stati citati più volte dai fashion designer nelle loro creazioni. Ma anche il velo musulmano ha trovato posto in passerella, rivisitato - tra gli altri - da Alexander McQueen per Givenchy nel 1997 e da Hussein Chalayan un anno dopo.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Marco PM 69 mesi fa

Cara lilith ti sei offesa da sola non hai bisogno di aiuto

manu 69 mesi fa

la moda prende necessariamente ispirazione dalla società e dalla cultura che comprende anche la religione, credo sia veramente fuori luogo scandalizzarsi per qualcosa del genere, molti stilisti hanno ripreso il velo tipico delle donne mussulmane e la croce di cui parla lilithcarla bè...certo che viene preso dalla croce dei cristiani, non è che se adesso ci hanno aggiunto i brillanti e viene utilizzata per dare luce alla scollatura non c'entra niente, e solo che le cose partono per rappresentare un qualcosa e poi si adattano a quelle che sono le tendenze... La religione non è qualcosa di intimo e basta, magari lo fosse, la religione fa parte della cultura di ogni popolo e pertanto viene inserita nella moda.

lilithcarla 69 mesi fa

E poi signorine mie andreste in giro con questo cappello? io lo trovo brutto brutto b rutto da abbinare ad n vestito? non è più elegante un bel borsalino o un panama? siamo seri..

lilithcarla 69 mesi fa

Mi piacerebbe che intervenisse anche una persona di relgione diversa.un musulmano o altro..per uno scambio di vedute pacifico. Queen è intervenuta con molta buone educazione GrazieQueen..e magari questo sarà un modo per conoscre meglio il tuo credo . Ciao e buona giornata Marco invece insulta e basta. e questno non mi piace. Voglio ancore rispondere a Queen.Quando hai detto che ti sembrano icattolici i dententori di un unica religione tu non hai torto al 100 per cento. Ma ci sono molti cattolici come me..che hano pluralità di idee e non sono settari Che seguono la parola di Gesu---credi che Gesu ..abbia mai detto.tu non sei cattolico quindi..ti ripudio? Gesu ci insegno ad amare tutti e anche le protistute..quindi.......credimi che i veri cattolci sono diversi Quelli di chi tu parli sono bigotti di un Clero in cui non ci riconosciamo. Ciao

lilithcarla 69 mesi fa

Sarei contraria che nelle passerella venissero messi i simboli cristiani..tranne lacroce come gioiello che come ho detto è sol o un ornamento e smettiamola .sembra che se uno da un giudizio su un ebreo prenda la scoss..e che sarà mai????' soffrono di vittimismo

lilithcarla 69 mesi fa

Marco..a dirti l verità non conosco la cultura ebraica .Non so neppure se conosco un ebreo Io quando conosco una persona o do la mia fiducia ad un amico.non gli chiedo certo la sua appartenenza religiosa Sono nata cattolica.e cristina Credo nei valori cristiani E i miei valori dicono amore e carita verso tutti i fratelli. Quindi tu mi hai offesa pesantemente. Il mio discorso era solo questo Apri le orecchie e ragiona NON TROVO GIUSTO CHE VENGANO ASSOCIATI AI VESTITI I SIMBOLI DELLA PROPRIA RELIGIONE QUALCUNE ESSA SIA. Se hai capito bene altrimenti.pazienza. Ciao. non ritorno sull'argomento . Moda e religione due cose distinte. Gli ebrei non li conosco

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).