Camerini a pagamento in Australia

22 aprile 2011 
<p>Camerini a pagamento in Australia</p>
PHOTO CORBIS IMAGES

Che furbi i negozianti australiani!
Voi entrate, provate un abito, poi lo acquistate online a prezzi stracciati?
Attenti, perchè loro - prevedendo la vostra mossa - vi sorprenderanno con una tassa salatissima per il camerino.
Ben 50$ sono stati chiesti per provare un paio di scarponi da sci, ma l'importo può variare. Nel caso in cui invece decidiate di acquistare, il denaro versato vi verrà restituito.
In ogni caso, la prossima volta ci penserete due volte a entrare e provare qualcosa. Soprattutto se siete già certi di non comprarla.

Il provvedimento preso da diversi retailers in Australia ha lasciato i media un po' interdetti.
Il disagio dei negozianti per il via vai di persone che provano abiti senza acquistarli, magari perchè già intenzionati a comprarli su internet a minor prezzo, è da tutti comprensibile.
Ma siamo sicuri che in questo modo non si demotivi ulteriormente lo shopping "off-line", fatto nelle boutique e nei grandi magazzini? Dopotutto si tratta di un'attività in cui ricercare svago e piacere, e che solo in secondo luogo è fonte di impegno per la spesa da affrontare.

Chissà quanti negozianti imporranno la tassa sul camerino e chissà se accadrà qualcosa quando le associazioni dei consumatori faranno sentire le proprie proteste.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

Misato-san 68 mesi fa

e' un'assurdita'... si puo' anche provare una cosa che non ci convince addosso... oppure una taglia troppo grande o troppo piccola... e si dovrebbe pagare lo stesso? se vogliono incentivare il disertar i negozi penso ci riusciranno...

wowww 68 mesi fa

anche a me

thecurlysoup 68 mesi fa

Mi sembra una baggianata! http://thecurlysoup.blogspot.com

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).