I premi della moda americana

07 giugno 2011 
<p>I premi della moda americana</p>
PHOTO GETTY IMAGES

Si è tenuta ieri sera al Lincoln Center di New York la premiazione dei CFDA Awards 2011, gli Oscar della moda assegnati ogni anno agli stilisti americani dal Council of Fashion Designers of America. A Jack McCollough e Lazaro Hernandez di Proenza Schouler (NELLA FOTO) è andato il premio di Womenswear Designer of the Year, Alexander Wang (già premiato l'anno passato con lo Swarovski Award for Accessory Design) si è aggiudicato il premio come miglior Stilista di Accessori, e Michael Bastian quello come miglior Menswear Designer.

Swarovski, da dieci anni sponsor dell'evento, ha premiato Prabal Gurung (con lo Swarovski Award of Womenswear), Eddie Borgo (Accessory), e Robert Geller (Menswear).

Non poteva mancare Marc Jacobs, omaggiato con il premio alla carriera Lifetime Achievement Award, ricevuto dalle mani della sua musa Sofia Coppola. Proprio come accade per gli Oscar, poi, un premio (l'International Award) è andato anche al miglior stilista straniero: Phoebe Philo per Céline.

Ma l'Award più discusso è senza dubbio quello attribuito a Lady Gaga, il Fashion Icon Award, nel 2010 vinto dalla modella Iman, dopo un gap di 5 anni in cui non veniva assegnato. Forbes.com, si domanda se la cantante si meriti di stare in compagnia di vere icone della moda come Sarah Jessica Parker e Kate Moss, vincitrici rispettivamente nel 2004 e nel 2005, o se non sia stata invece soltanto una trovata per animare il red carpet di un evento che non ottiene la risonanza mediatica che meriterebbe. In fondo, come afferma il Nymag.com, benché nessuno imiti davvero il look di Lady Gaga - se non ad Halloween - tutti, anche chi non la ama, siamo curiosi di vedere quale stravaganza indosserà a questo o quell'evento. E questo, forse, fa di lei un'icona fashion.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).