Volsi così colà dove si puote

24 giugno 2011 
<p>Volsi così colà dove si puote</p>
PHOTO THEFASHIONFRUIT.COM

No Martini? No party! Anche se George Clooney, visti i tempi di crisi e di rotture (non di scatole, ma di fidanzamenti) con la bella Eli, di partecipare a dei party dovrà averne ben poca di voglia... forse.
E qual è il problema? I fashion blogger che ci stanno a fare se non a fungerci da pass reali e virtuali per quei party in cui i comuni mortali non potrebbero mai avere l'accesso facile?
E' un po' come un cinema interattivo: vuoi andare al party di Luisa Via Roma ma non hai il prestigioso invito (per cui daresti un braccio)? Basta cliccare il post di Chiara Ferragni per scoprire gli outfit degli ospiti, dei vip e dei blogger.

Ma a Milano Moda Uomo chi sono stati i fashion blogger più festaioli che ci hanno permesso di curiosare e ballare (comodamente e metaforicamente sul divano) ai party più esclusivi?

- Anche se il blog di Filippo Fiora si chiama The Three F, in occasione di questa fashion week avrebbe dovuto cambiare nome in The Two F, causa l'accoppiata modaiola Fiora-Ferraro.
Fillippo e Veronica sono stati avvistati insieme, grazie alle apparizioni sui rispettivi blog, al party di Hydrogen, lei di bianco e verde vestita, con gli stessi colori di Keroppi con cui è stata ritratta, mentre lui in shorts e giacca. Ve lo dicevo io che alle e ai blogger piace short(s)...

- Stessi blogger, altro party: nella casa preppy di Tommy Hilfigher ci sono sempre la deliziosa Veronica Ferraro e sempre di bianco e verde vestita, e sempre Filippo Fiora e sempre in shorts.
Cosa fanno i fashion blogger al party di una prestigiosa griffe? Bevono, ballano, dispensano sorrisi e ovviamente fanno foto. Per un riassunto visivo del concetto, è comunque tutto concentrato nel video del post di Filippo, e come è scritto in fondo ad ogni post che si rispetti, click too see more.

- Bisogna dire che c'è anche chi alla musica dei party preferisce il leggiadro cicalìo dei commessi, anzi, addetti alla vendita, di Giorgio Armani. Un "chi" tipo Bryan Boy, che, conosciuto per i suoi gusti eccentrici, decide di accettare l'invito (e aprire la busta tipo da Maria in C'è Posta per te) di Armani per farsi confezionare un abito classico su misura. Ecco, magari auguriamoci che non ci abbini una delle sue collane con gli spunzoni, una camicia con le banane, o che almeno la scelta della borsa sia giusta. Ovvio, le borse, adesso gli uomini ce ne hanno di più belle delle donne.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Marti 66 mesi fa

Allora, tolto il fatto che mi sembra che di adulazione qui se ne faccia ben poca (l'ironia è talmente palese che mi stupisce non sia colta) se Gina e Giovanna vogliono darsi alla meditazione non ci disturbano affatto. Fatevi pure il vostro percorso ascetico ma per favore non dateci dentro con una delle poche giornaliste fresche in un universo, quello della moda, dove vige il monopolio delle vecchie carampane, la cui scrittura non è certo il trionfo dell'avanguardia pura. (almeno su questo spero saremo concordi)

Cleo 66 mesi fa

delizioso...grande Lucia..i tuoi pezzi sono sempre ironici e divertenti!!!!

Ciao ohhhberlin, grazie pe rla segnalazione del refuso

vale 66 mesi fa

un pò di senso critico ( o realismo?) e non tanta adulazione di questo fenomeno assurdo e di queste tipe improponibili.

ohhhberlin 66 mesi fa

Po' NON pò. Ciao.

Carlotta 66 mesi fa

ironica e divertente.. sei una grande Lucy!!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).