Vorrei la pelle leopardata

01 luglio 2011 
<p>Vorrei la pelle leopardata</p>
PHOTO WWW.LEBLOGDEBETTY.COM

Le tipiche ragazze da little black dress e perle lo trovano spesso volgare, le tipe più aggressive, il cui obiettivo è emergere dalle acque della banalità , ci vanno a nozze.
Difficile convolare a matrimonio con un leopardo, per ovvie ragioni di specie, ma è molto facile trovare delle fashion blogger che adorino i suoi colori, tanto da non spiccicarseli di dosso.
La stampa maculata ricopre la loro pelle da capo a piedi, ma è (una selezione) naturale, ogni anno è questa la nuova tendenza!

Ecco tre blogger che al leopardo, come al gelato al cioccolato, non sanno proprio resistere:

- Se si parla di affiorare dal Mare della Non Convenzionalità si parla di Betty, che nel suo blog, Le blog de Betty, ci delizia e ci stupisce sempre con dei look abbastanza eccentrici. Stavolta la blogger, anche causa trentasette gradi centigradi, lo ha fatto indossando un foulard maculato come top, con una mini gonna bianca.
Questo è più che un Battito Animale, una tachicardia da quaranta gradi.

- Irene Colzi si toglie il dubbio e invece che scegliere una parte del corpo da ricoprire con del maculato, opta per busto e un pezzo assai ridotto di gambe, con un mini dress. Vista la serata al Just Cavalli di Milano, probabilmente voleva rendere omaggio a Roberto Cavalli, il re dell'animalier.
Irene ci insegna dunque che il pendant non vale solo per abbigliamento e accessori, ma anche per abbigliamento e locali. Se dunque si va in trattoria, tutti in stampa a tovaglia!

- La blogger di Song of Style si limita a mettere il leopardo sui piedi, più precisamente a delle zeppe abbinate ad un color block look. Incredibile come nella armoniosa confusione di colori, l'accostamento animale sia perfetto. Direi Song of Great Style.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Gioia 65 mesi fa

Secondo me è solo una questione di stile. E a volte non c'entra nemmeno il buono o il cattivo gusto. Io sono amante del leopardato e dell'animalier in genere, mia sorella è l'esatto contrario, ovvero LBD+ perle..però l'inverno scorso rubava spesso dal mio guardaroba una sciarpina leopardata by H&M e devo dire che le stava molto bene. Non credo che l'animalier sia volgare, tutt'altro, è questione di saperlo adattare su se stessi, per questo chi lo sceglie deve farlo consapevolmente.

Lucy 65 mesi fa

perfettamente d'accordo :) sì non mi ricordo dove lo avevo letto, ma forse ti riferisci a Miriam Nixon, un'attrice degli Anni Venti :) Se guardi la collezione mi pare del 1947 di Dior con il leopardo è elegantissima e quest'anno ha riproposto pure il male up in "onore" del leopardo! Cmq viva il leopardo a piccole dosi, così si che è chic (peccato che non sia facile vederlo preso a piccole dosi)

chiaretta28 65 mesi fa

E' vero, ma non è colpa nostra...penso sia soprattutto dell'uso che ne è stato fatto per pubblicità alcuanto spintarelle, in realtà la prima a sfoggiarlo (non mi ricordo bene il nome, pardon!) è stata negli anni 20 un'attrice di Hollywood con leopardi al seguito come cappotto lungo...condivido con Lilith l'uso a piccole dosi per sentirsi a proprio agio! :D

a me piace in piccole dosi una scarpa Laboutine es una camicia Chloè un bangle YSL ma sono difficili i nuovi cappotti tipo quelli di Prada tutti a disegno serpente. Poi dipende come si portano Ma credo che bisogni sfatare il mito che l'animalier sia volgare Non lo è se ben dosato

Lucy 65 mesi fa

Cio CHiaretta :) ma di solito chi lo indossa è un tipo un pò più "alternativo", se dai un occhio ai blog si street style è usato molto in look "aggressivi". Ho delle amiche con un gusto più classico che lo odiano davvero! Io sono sia da LBD che da leopardo per esempio :))) In realtà è soggettivo sai smack!

chiaretta28 65 mesi fa

Lucia, io sono una da LBD e perle ma il maculato è nato per l'eleganza...

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).