Che Dio salvi le mie scarpe

04 luglio 2011 
<p>Che Dio salvi le mie scarpe</p>

"Sai cosa puoi fare, come puoi conquistare il tuo amante e come suona ogni parola che dici solo perché indossi un particolare paio di scarpe? Provaci", dichiara con aria di sfida Kelly Rowland in God Save My Shoes.
L'ex cantante delle Destiny's Child, infatti, è una delle tante donne celebri e non, che raccontano la loro infinita storia d'amore con le scarpe in questo documentario dal titolo dissacratorio.
Il film, scritto e diretto da Julie Benasra, con un gioco di parole sull'inno nazionale britannico conferma lo status di oggetto di culto dell'accessorio. Prodotto in collaborazione con Canal Plus, God Save My Shoes esce per la gioia dei fashionista il 28 settembre in coincidenza con l'apertura della settimana della moda di Parigi. Nel tentativo di spiegare le forti emozioni che le calzature possono suscitare nelle appartenenti al genere femmminile, ma anche in molti uomini, la regista è volata nella capitale francese, a Milano, New York, Los Angeles e Toronto per intervistare designer come Christian Louboutin, Manolo Blahnik, Bruno Frisoni, Vivienne Westwood e Pierre Hardy e psicologi, feticisti, collezioniste e testimoni Vip di questa stravolgente passione per  le scarpe, come la regina del burlesque Dita Von Teese o Fergie dei Black Eyed Peas. Il risultato? 
Un affascinante resoconto sulla storia e sul significato culturale delle calzature, dalle suole elevate degli antichi ai vertiginosi tacchi a spillo di oggi, dai sandali di Marilyn Monroe agli stiletto di Sarah Jessica Parker in Sex & The City.

GUARDA IL TRAILER:

 

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Shaulie 65 mesi fa

Attendo questo capolavoro!!! ;-D

Francesca 65 mesi fa

un film per noi che AMIAMO LE SCARPE!

chiaretta28 65 mesi fa

Cara migliore amica, tieniti pronta! :)

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).