Londra capitale della moda grazie a Kate

19 agosto 2011 
<p>Londra capitale della moda grazie a Kate</p>
PHOTO GETTY IMAGES

C'era una volta New York capitale del fashion. Ora invece il titolo è passato a Londra, che ha battuto anche altre location modaiole per eccellenza come Parigi e Milano (arrivate, rispettivamente, terza e quarta).

E il merito dello storico sorpasso sarebbe di una coppia: lei è una neosposina che sfoggia look copiatissimi ad ogni uscita pubblica, forte anche del suo rango royal; lui era uno degli stilisti più geniali e amati, morto suicida nel febbraio del 2010.

Stiamo parlando di Kate Middleton ed Alexander McQueen, orgogliosamente celebrati sui giornali dell'isola come gli eroi di giornata, per il loro prezioso contributo nel permettere alla City di scalare posizioni nella classifica stilata dalla società texana Global Language Monitor, che monitora i trend modaioli su giornali e web.

Vero, a far cadere in disgrazia New York ha contribuito anche la fine dell'era Sex and the City, visto che i due film non sono stati nemmeno lontanamente all'altezza della popolare serie tv. Ma l'importanza dell'accoppiata Kate-Alexander per la vittoria londinese resta indubbia ed è stata cementata anche da un abito da sposa: quello indossato dalla Middleton lo scorso 29 aprile per il suo royal wedding con il principe William e, guarda caso, realizzato proprio dalla protegé di McQueen, Sarah Burton.

«Stiamo assistendo all'impatto che due autentiche star dei media come Kate (Middleton) ed Alexander McQueen possono avere nel ranking mondiale - ha spiegato Bekka Payack, corrispondente moda dell'organizzazione americana - e i nostri risultati dimostrano che è stata la loro costante presenza su stampa e web ad aver garantito la vittoria di Londra su New York».

Insomma, il mondo della moda (e non solo quello) sarebbe sotto l'effetto Kate Middleton, tanto che un qualunque abitino indossato dalla Duchessa di Cambridge fa subito il botto nei negozi (e se non ci si può permettere la versione originale, ci si butta sule imitazioni a buon mercato).

Sembra quasi che la ragazza abbia seguito i passi fashion della compianta suocera Lady Diana, un'altra che ovunque andasse veniva salutata come icona di stile e portatrice di quella sartorial Britishness capace di rendere elegante anche la mise più improbabile.

Se volete dare un'occhiata alla top-25 delle location più alla moda del pianeta, ecco qui la lista:
1-Londra
2-New York
3-Parigi
4-Milano
5-Los Angeles
6-Hong Kong
7-Barcellona
8-Singapore
9-Tokyo
10-Berlino
11-Sidney
12-Madrid
13-Roma
14-Shangai
15-Monaco
16-Las Vegas
17-Melbourne
18-Mosca
19-Amsterdam
20-Buenos Aires
21-Bali
22-Città del Messico
23-Rio
24-Mumbai
25-San Paolo

E VOI, A QUALE CITTA' ASSOCIATE IMMEDIATAMENTE LA PAROLA "MODA"?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
daza 64 mesi fa

segno che i tempi cambiano sul serio

chiaretta28 64 mesi fa

..ovvero i jeans passe-partout! :D

Concordo! Senza dimenticare Cheap Monday!

chiaretta28 64 mesi fa

Ciao Federico! Sicuramente H&M penso sia stata la trovata economica migliore per i paesi scandinavi, ancora più dell'IKEA! Devo dire che però le collezioni disponibili da noi ricalcano soprattutto quelle degli stilisti nostrani, quindi parlare di brand essenzialmente nordico forse non è proprio esatto...mi affascina molto Filippa K per il suo stile "urban chic", Minimarket, e Acne: è l'essenza di quello che io chiamo "stile scandinavo"! E poi vogliamo parlare delle scarpe Finsk? Sono opere d'arte futurista...

Ciao Chiaretta... anche io stravedo per Stoccolma! Quali sono i tuoi brand nordici preferiti?

chiaretta28 64 mesi fa

Semmai sono basita dal fatto che città come Copenaghen o Stoccolma non siano nominate nella lista, nonostante la moda scandinava sia davvero in voga..per me città della moda però significa PARIGI!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).