Victoria Beckham scende dai tacchi

26 agosto 2011 
<p>Victoria Beckham scende dai tacchi</p>
PHOTO KIKA PRESS

L'abbiamo vista con tutti i tagli di capelli possibili (alcuni anche improbabili) e con ogni tipo di outfit, di sua creazione o meno, ma con una costante ai piedi, sotto forma di stilettos alti non meno di 12 centimetri, quasi esclusivamente griffati Christian Louboutin.

Ma come si mormora dovrebbe presentarsi alla Fashion Week di New York in programma dall'8 al 15 settembre prossimo davvero Victoria Beckham (guarda la sua collezione AI 2011/12) non si era mai vista: stando infatti al Daily Mirror, la Posh sarebbe stata sbalzata dai tacchi per ordine dei medici. E così all'evento modaiolo per eccellenza della Grande Mela sarà costretta ad andarci in flat, pare disegnate appositamente per lei dal solito Louboutin o da Roger Vivier, dopo che un'affannosa ricerca sul web da parte della Beckham per trovare « una ballerina che non la faccia sembrare una mazza da golf» (questa la confessione fatta ad un amico) non avrebbe portato ad alcun risultato accettabile.

Come detto, a farla scendere dai trampoli sono stati i suoi dottori che, dopo l'ernia al disco accusata in gravidanza e aggravatasi con il parto cesareo quando è nata la piccola Harper Seven, le hanno imposto di indossare scarpe piatte in ogni occasione, comprese quelle mondane.

«I tacchi alti non sono stati la causa del suo problema alla schiena - ha raccontato l'amico di cui sopra al tabloid londinese - ma di certo gli stilettos non l'aiutano a stare meglio. E così, anche se non è per niente contenta di non poter mettere i tacchi, al momento non può fare altro, perché la sua priorità è prendersi cura della figlia e stare bene».

Vuoi vedere che le flat diventeranno il nuovo must di stagione?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).