Carlà is back

07 settembre 2011 
<p>Carlà is back</p>

Prima fila, come le direttrici dei magazine più prestigiosi? Standing, come i poveri, comuni redattori? E' questo il dilemma.
Dalla posizione assegnata a giornalisti e stylist rispetto alla passerella si capisce molto del loro potere e della loro autorevolezza. E' nel momento dell'apertura degli inviti delle sfilate più importanti che l'Ego degli esponenti del "popolo della moda" viene messo a più dura prova.
Il problema, poi, è trovare il look giusto per affrontare il proprio destino, front row o standing che sia. Nell'ansia di apparire, di farsi fotografare dai blogger, di catturare l'attenzione, lo scivolone è in agguato. Quello che è cool può in un attimo diventare trash: non esiste un dress code da sfilata, ognuno deve "inventarsi" il suo.

Un gradito (issimo!) ritorno sulle pagine web di Style.it per dirimere la questione: sarà l'inimitabile Carla Gozzi, alias Carlà, a giudicare i look più interessanti degli addetti ai lavori che si aggirano al di fuori delle sfilate.
Con un secco "Prima fila" o "Standing" sarà la conduttrice di Ma come ti vesti?! a decidere il posto da assegnare a giornalisti, editor e stylist.
Tutti i giorni, a cominciare da domani, un suo commento pungente (e come, altrimenti?) per un ipotetico seating globale, che ci accompagnerà nel corso delle quattro fashion week internazionali di New York, Londra, Milano e Parigi.

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI

INTERESSANTI IN RETE

calzo36 63 mesi fa

bellissimo questo appuntamento....mi è mancata qst rubrica :)

puzzoletta 63 mesi fa

Finalmente!!

Bellissimo!! Evviva Carla ti aspettiamo

claudia 63 mesi fa

dove posso inviarle la foto???!

Fefffyna 63 mesi fa

Meravigliosa Carla' aspetto ansiosamente di leggere i tuoi commenti...adoro il tuo buon gusto!p.s adoro anche l'eleganza del nostro caro Enzo! Un bacio fefffyna

chiarab 63 mesi fa

oh che bello!

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).