Al ladro, mi hanno rubato la collezione!

12 settembre 2011 
<p>Al ladro, mi hanno rubato la collezione!</p>
PHOTO SGP ITALIA

A pochi giorni dalla settimana della moda milanese, sparisce la collezione di Roccobarocco. Sembra un intrigo alla Beautiful, dove spionaggio industriale e complotti ai danni della Forrester Creations sono all'ordine del giorno, e dove Eric, Ridge e gli altri membri della famiglia Forrester - dopo 25 anni di furti subiti - ancora cadono dalle nuvole quando sulla passerella della Spectra Fashions prima, e della Jackie M. in tempi più recenti, vedono sfilare i loro vestiti.

Del resto lo stilista Rocco Barocco non è del tutto estraneo alle trame da soap opera: nel '97 è stato protagonista proprio del famoso sceneggiato televisivo, interpretando se stesso in 15 puntate girate fra Milano e Como che hanno visto Ridge & Co. trasferire i loro intrecci amorosi in Italia.

I ladri veri sono entrati in azione la notte tra venerdì e sabato, in Viale Bianca Maria a Milano, sottraendo dall'atelier dello stilista la collezione Autunno-Inverno 2011/12 (ancora a disposizione in showroom per i giornalisti) e gran parte della Primavera-Estate 2012 pronta per l'imminente fashion week milanese. "Il furto non farà saltare la sfilata del 21 - ha rassicurato Rocco Barocco - abbiamo disegni, stoffa e accessori. Lavoreremo giorno e notte, ma non mancheremo l'appuntamento." Mi rivolgo ai ladri: ma allora da Beautiful non avete imparato proprio niente? I bozzetti, bisogna rubare i bozzetti!

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Cristina 63 mesi fa

Povero Rocco Barocco!!! Magari è un segno....qualcuno voleva salvarlo dal fallimento e gli ha dato una seconda possibilità. Devi migliorare, sempre. Quella collezione era una disastro....ricomincia da capo!!!! Magari con vestiti che s'ispirano alla forma del savoiardo...io tenterei....

Se dovessi rubare una collezione ruberei quella di HERMES Chanel o Gucci

Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).