Jeans, bootcut contro skinny

29 settembre 2011 
<p>Jeans, bootcut contro skinny</p>
PHOTO SPLASH NEWS

Diciamo la verità: i jeans skinny saranno anche di moda (vedere per credere la teutonica Heidi Klum o l'italiana Silvia Toffanin) ma se si ha un rapporto difficile con la bilancia, certe strizzature al limite dell'asfissia sarebbero da evitare perché l'effetto cosciotto è praticamente garantito ed è sempre uno spettacolo imbarazzante.

Una regola che le americane hanno da tempo mandato a memoria, alla faccia dei diktat modaioli che invece sembrano seguire più alla lettera le europee (anche se adesso in Inghilterra c'è persino uno scanner in 3D che aiuta le donne a trovare il modello di jeans perfetto): non a caso, Oltreoceano le vendite di jeans a gamba larga (le fashioniste li chiamano bootcut perché possono essere indossati con lo stivale) hanno fatto il botto lo scorso anno, come conferma un grafico di eBay Usa.

Dati alla mano, dei 3 milioni di jeans acquistati sul famoso sito d'aste nel 2010, ben 793.289 paia erano bootcut che sta bene con tutto e va bene a tutte (soprattutto a chi è un po' troppo forte di fianchi), mentre i modelli a gamba dritta e gli skinny hanno venduto rispettivamente 215.353 e 214.405 paia: praticamente, un terzo in meno degli altri.

E benino sono andati anche i modelli a zampa che fanno tanto Seventies e adorati da Kim Kardashian (foto), finiti in quarta posizione con quasi 200mila jeans acquistati, mentre le vendite peggiori le hanno fatte registrare i jeggings (crasi fra denim e leggings), ultimi in classifica con appena 11.616 paia.

«La popolarità dei bootcut è dovuta al fatto che si possono indossare a qualunque età - ha spiegato il direttore moda di eBay, Andrea Linett, al Daily Mail - e sono davvero senza tempo. Gli altri modelli vanno e vengono, ma un jeans bootcut è per sempre».

E voi ce l'avete il vostro paio nell'armadio?

Condividi:
  • Twitter
  • Facebook
  • Delicious
RISULTATI
Lunghezza massima del commento: 1000 caratteri
Style.it si riserva di cancellare commenti con contenuto diffamatorio o volgare, i messaggi autopromozionali e/o commerciali, oppure in cui vengano indicati dati sensibili o personali (indirizzi mail, numeri di telefono,...).