Fur Couture da Simonetta Ravizza

di Francesca  Giorgetti 

Francesca  Giorgetti

Francesca  Giorgetti

Fashion editorScopri di piùLeggi tutti

<<>0
1/

Alcune di noi la amano, altre la odiano. Fatto sta che è stata proprio la pelliccia, ieri, ad aprire la Milano Fashion Week. È salita in passerella sapientemente plasmata da Simonetta Ravizza, una giovanile signora che ho incontarto più di una volta e a cui brillano sempre gli occhi nel raccontare delle sue collezioni.

Hanno sfilato capi dalle volumetrie a sacco, a bozzolo, tanto classiche da ricordare l'espressione più alta della Couture francese e italiana degli anni '50 e '60 quanto sofisticate da esprimere chiaramente uno sguardo verso il futuro.

Abbiamo visto visoni, volpi, zibellini resi aerei e morbidi come velluto accostati a materiali duri ed energici come il neoprene, il panno, il tessuto bouclé. Questo accattivante contrasto ci è piaciuto, ancor più perché impreziosito da accessori desiderabili per qualsiasi fashionista: borse di breitschwanz con charms porte-bonheur, sautoir con maxiciondolo a croce d'ispirazione navajo o suggeriti dal neo-baroque '30 di Fulco di Verdura espresso con pietre iridescenti e policrome accostate all'oro.

Nero e ancora nero ha vestito non solo pellicce, ma anche leggings, pantaloni di pelle e mini abiti che completano alla perfezione quello che ormai possiamo tranquillamente indicare il "total look di Simonetta Ravizza".

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Cerca in Sfilate

Stagione Designer