Levi's, grande opening sugli Champs Elisées

di Francesca Cagliani 

Il nuovo flagship store Levi's® a Parigi è il secondo più grande in Europa, dopo quello di Londra a Regent Street

Francesca Cagliani

Francesca Cagliani

ContributorLeggi tutti

<<>0
1/

Durante l'inaugurazione abbiamo incontrato da vicino e intervistato chi i Levi's li fa davvero. Si tratta di Ilse van Alsenoy (Women's Merchandising & Design Director, Levi's® Brand Europe) e Anit van Eynde (Senior Director Marketing Levi's® Brand, Europe) che hanno scambiato qualche opinione con noi.

Il mercato del jeans è ormai saturo, come si può sopravvivere?
«Il jeans non è un concetto unico, e non può essere inteso solamente come il pantalone in denim. Abbiamo voluto valorizzare tutti i capi, a 360 gradi, accostando al jeans anche bluse, camicie, abiti e accessori. L'importante non è solo il capo che si acquista ma anche l'esperienza che si vive nel negozio, come una vera "shopping experience". L'obiettivo è trovare una sinergia fra la ricerca stilistica mirata a realizzare un prodotto sempre attuale e la soddisfazione del cliente».

Levi's è un marchio con una storia molto radicata, che mira da sempre ad un'alta qualità associata ad una ricerca stilistica all'avanguardia. In questo senso qual è il vostro segreto per mantenere sempre un'appeal ideale sul cliente?
«Il segreto è una combinazione tra autenticità , qualità e una continua ricerca di nuove linee e nuovi modelli, rimanendo sempre però legati alla tradizione. Vogliamo rimanere fedeli al passato, rendendolo moderno e in linea con le nuove tendenze».

Levi's è per tutto il mondo il jeans per eccellenza...
«Si, assolutamente, però abbiamo cercato di sviluppare un total look che potesse accompagnare e completare il classico pantalone in denim con capi e accessori giovani e moderni».

Qual è il vostro capo preferito per la Primavera/Estate 2012?
Ilse - «assolutamente un abito in denim (che mi ha mostrato). Versatile, iperfemminile, pratico e, associato agli accessori giusti, ideale per ogni occasione. Un passe-partout che non può mancare nell'armadio di ogni donna».
Anit - «il jeans che indosso! Fa parte della Curve ID e riprende un modello anni '60 particolarmente amato da Marylin Monroe. Ha la vita alta e una vestibilità confortevole, che mette in risalto le curve senza esasperarle».

Cosa terreste e cosa buttereste dall'armadio per la prossima stagione?
«Non si butta via nulla! Tutti i capi si devono riutilizzare e rendere attuali, in base alle mode del momento. Proprio per questo motivo abbiamo pensato al servizio di costumizzazione, per dare una seconda vita anche a tutti i modelli più superati. Un paio di jeans è per sempre!».

Nelle ultime collezioni abbiamo visto jeans costumizzati con pizzo, applicazioni, lavorazioni e dettagli. Cosa ne pensate di questa combinazione?
«Noi preferiamo rimanere legati alla nostra storia e tradizione, mirando più che altro alla qualità del prodotto, senza subire troppo le influenze delle mode passeggere. I nostri jeans sono ricchi di dettagli come cuciture particolari, tasche sagomate, rivetti personalizzati, zip con galvaniche ricercate».

Jeans anche per una serata speciale? Se si abbinato a cosa?
«Certo! Il jeans è un passepartout. Ed è perfetto con una semplice giacca, una camicia bianca o un accessorio prezioso. Anche un abito di jeans, in alternativa al pantalone, può diventare protagonista di un look serale».

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter moda di Style.it
 

Cerca in Sfilate

Stagione Designer