Peter Pilotto ospiti speciali di Pitti W

di Federico Rocca 

Il cosmopolita duo di designer incanta Firenze con un evento esclusivo a Palazzo Borghese. Indimenticabile (proprio come l'afa)

Federico Rocca

Federico Rocca

Fashion EditorScopri di piùLeggi tutti


Un momento della serata

Un momento della serata

Prendete una coppia di giovani designer cosmopoliti, un meraviglioso palazzo neoclassico e una sera di giugno (ma potrebbe essere Ferragosto) a Firenze (ma potrebbe essere Calcutta, tanta è l'afa).

Come sempre non delude - anzi, entusiasma - l'evento specialissimo voluto da Pitti a coronamento di Pitti W, la fiera parallela a quella più istituzionale, dedicata all'uomo, che come ben sappiamo propone capsule e precollezioni dedicate all'universo femminile.

Ospiti della decima edizione di Pitti W sono Peter Pilotto (metà austraico e metà italiano) e Christopher De Vos (mezzo belga e mezzo peruviano). Se il nome del brand è tutto sulle spalle del primo, la creatività nasce dall'incontro fortunato tra le naturali predisposizioni di entrambi: le stampe e le costruzioni morbide ma scultoree.
Peter Pilotto da alcuni anni veste donne colte e importanti (non da ultima Samatha Cameron, fan della griffe), le stesse donne che a Palazzo Borghese sono accorse a gustarsi la presentazione della precoll PE 2013 del duo di designer schivi e ingegnosi.

L'atmosfera della serata è surreale, come si conviene alle creazioni del duo. Alle cornici dorate, alle statue classicheggianti e agli affreschi del palazzo si contrappongono luci acide nei toni del fucsia e del blu elettrico, ma soprattutto strisce di moquette che riprendono le sfaccettate e dettagliatissime stampe che sono diventate il marchio di fabbrica del duo di stilisti. Intere stanze dell'imponente palazzo, poi, sono state ricoperte alla "Peter Pilotto", con colori scomposti e ricomposti in forme nuove e affascinanti, o da maxi istallazioni video dove il processo creativo delle medesime stampe è messo a nudo.

Se i profiteroles e gli zuccotti di fragole del buffet tendono ad afflosciarsi sotto la morsa della calura, non mostrano alcun cedimento le modelle "issate" su due piattaforme rotonde. Dopo un'immobilità inquietante di minuti che sono parsi ore, le modelle prendono a sfilare attorno alle piattaforme, circolarmente, per offrire agli occhi dei visitatori tutti gli incredibili dettagli degli abiti sofisticati e non convenzionali di Peter Pilotto: geometrie inedite delle stampe, abili giochi sartoriali nella costruzione  delle forme e l'uso sapientissimo del ricamo, a saggio complemento delle stampe. E' ufficiale: possiamo non chiamarli più giovani promesse...


Inserisci il tuo indirizzo email per iscriverti alla newsletter moda di Style.it
 

Cerca in Sfilate

Stagione Designer