Woody & Mia

Simona Siri 29 aprile 2013

Docidi anni insieme, ognuno vivendo a casa propria. Separati da Central Park e da un mare di abitudini. Opposte. Ma lei diventa la sua musa. Unione stramba, quella di Mia Farrow e Woody Allen, che però sembrava indistruttibile. Fino al peggiore degli scandali

Che sia stata una vera storia d'amore è indiscusso, che si sia trattato di un'unione artistica che ha prodotto alcuni dei film migliori della carriera di Allen, nessuno può negarlo. E che sia finita con uno degli scandali più inquietanti e chiacchierati di Hollywood, be' anche questo è vero. Eppure, durante gli anni della loro relazione, Woody e Mia erano tutto ciò che le coppie erano: creativi, affiatati, imprevedibili. Addirittura rivoluzionari nel modo di stare assieme.

Così moderni che la stampa anglosassone aveva dovuto inventare un nome per definirli: LAT - living apart together -, ovvero coppie che sono tali pur abitando in case diverse. Loro l'esempio più luminoso: ognuno con il proprio lussuoso appartamento, uno sul lato ovest di Manhattan, l'altro sul lato est, Central Park. Insieme, ma separati. E mai sposati.

Prima di incontrarla, Woody dice: «Crescere figli non è difficile: chiunque può farlo». Dopo: «Mia mi ha fatto conoscere un mondo completamente nuovo». E popolato di bambini. Quando si ncontrano, lei ha 34 anni ed è reduce di due matrimoni. Il primo con Frank Sinatra (lui 30 anni più di lei), il secondo, con il compositore André Previn da cui ha avuto tre figli naturali (Matthew, Sacha, Fletcher) più tre adottati (due gemelle vietnamite, Lark e Daisy, e la coreana Soon -Yi). Allen di anni ne ha 44 e anche lui ha già due matrimoni falliti dietro di sè. Probabilmente è questa l'unica cosa che hanno in comune.

Per il resto, lui ama la città e lo sport, Mia adora la campagna ed è pigrissima. Lui adora i ristoranti, soprattutto a sera tarda. Lei preferisce mangiare a casa, possibilmente molto presto. Woody odia i cani. Mia li adora. Lei è ottimista. Lui pessimista. Lei non possiede termometri. Lui si misura la temperatura due volte al giorno. «La fortuna è stata trovarsi già avanti con gli anni», dice Allen. «Ci fossimo conosciuti da giovani, non avrebbe funzionato mai».

Dicembre 1979: il primo incontro avviene per caso, da Elaine's, il ristorante preferito di Woody. Che è lì da solo, al solito tavolo. Mia se ne arriva insieme a Michael Caine e signora. Seguono presentazioni. Qualche settimana dopo Woody la invita alla festa di Capodanno che sta organizzando a casa sua, ma quella sera, in mezzo a tutta quella gente, si scambiano poche parole.

Passano pochi giorni e lei gli manda un biglietto di ringraziamento; lui per ricambiare, la fa chiamare dalla segretaria per invitarla a pranzo. Seguono altri pranzi, sempre tramite segretaria: nei primi mesi di corteggiamento, Woody non telefona mai direttamente a Mia. Il resto è storia. O, meglio, routine.

L'intero articolo di Simona Siri, su Myself di aprile da pag. 222.

Vedi anche...

Sondaggio

Addio surgelati pronti

VOTA!

Oroscopo

Che cosa ti succederà oggi?

DA STYLE.IT

  • Sex

    Frasi romantiche per Whatsapp, Messenger, SMS: le migliori per te

    Come scrivere le frasi più romantiche e seducenti da inviare al tuo amore tramite il cellulare. Da Whatsapp, all'sms, tutte le parole giuste per stupirlo

  • Sex

    Sorprese romantiche per Lui: ecco le migliori

    Sai quali sorprese romantiche possono stupire il tuo ragazzo? Ecco una breve guida alle idee migliori per fare una sorpresa al tuo fidanzato

  • Viaggi

    Ciociaria vini

    La strada del Vino Cesanese per degustare il prodotto della nuova vendemmia

  • Sex

    Matrimonio e monogamia: essere fedeli o tradire il partner?

    Per il 76% degli uomini e l'84% delle donne, la fedeltà coniugale causerebbe il fallimento della sacra unione

TAG CLOUD