Siria, attacchi kamikaze
a Damasco

di Francesca Porta 

Colpite due basi dell'intelligence siriana. Vi sarebbero morti e feriti

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Foto Ap/LaPresse

Foto Ap/LaPresse

Un doppio attentato kamikaze è stato sferrato questa mattina contro due basi dell'intelligence siriana a Damasco. Secondo la tv pubblica (per ora unica fonte della notizia), la prima bomba ha colpito un ufficio della polizia nel quartiere di Kafr Susa, mentre la seconda è esplosa di fronte alla sede della Sicurezza dello Stato (Amn al Dawla).

Le prime notizie parlano di 40 morti e 100 feriti, ma al momento non ci sono bilanci ufficiali. Nelle prime immagini diffuse dalla tv di Stato si vedono corpi senza vita avvolti in coperte e il cortile esterno del quartiere generale dell'intelligence ridotto in macerie.

La polizia siriana ritiene che gli attentati siano stati eseguiti da due kamikaze alla guida di due autobombe e che dietro ci sia la mano dell'organizzazione terroristica islamica di Al-Qaeda.

L'attentato avviene a poche ore dall'arrivo a Damasco della prima squadra di osservatori della Lega Araba, incaricati di preparare il terreno alla missione che dovrebbe operare per risolvere la situazione siriana. Da dieci mesi, infatti, il regime siriano è scosso da proteste senza precedenti soffocate nel sangue. La repressione operata dalle forze del presidente Bashar al Assad ha provocato circa 5000 morti.

TAG CLOUD