Germania, il presidente Wulff si dimette

di Francesca Porta 

Il Capo di Stato è indagato per presunti scambi di favori con alcuni imprenditori. Angela Merkel ha annullato il viaggio a Roma

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Foto LaPresse

Foto LaPresse

Il presidente tedesco Christian Wulff si è dimesso. Ad annunciarlo è stato lo stesso Capo di Stato, che ha dichiarato: «Ho fatto degli errori, ma sono sempre stato in buona fede. C'è bisogno di un presidente che possa dedicarsi completamente alle sfide europee e abbia fiducia ampia dei cittadini. Gli sviluppi di questa settimana hanno dimostrato che questa fiducia non c'è più e quindi non c'è altra possibilità che abbandonare questa carica: oggi perciò mi dimetto».

Da alcuni mesi, il presidente della Repubblica Wulff è al centro di uno scandalo per presunti scambi di favori con alcuni imprenditori. Secondo la Procura di Hannover, Wulff avrebbe ottenuto un prestito da un imprenditore con un tasso di favore quando era ancora governatore della Bassa Sassonia. Inoltre, sembrerebbe che Wulff abbia pernottato in un albergo dell'isola di Sylte a spese di un altro imprenditore a lui vicino. Si tratta, dunque, di presunti scambi di favori tra il presidente della Repubblica e alcuni imprenditori.

Dopo alcuni mesi di indagini, mercoledì la Procura ha ufficialmente aperto un'inchiesta nei confronti del presidente per interesse privato in atti di ufficio, chiedendo al Parlamento l'annullamento dell'immunità di cui gode Wulff in quanto Capo di Stato. Di qui, dunque, la decisione di rassegnare le dimissioni: «Auguro al Paese» - ha detto Wulff - «un futuro migliore in cui uomini e democrazia possano convivere al meglio».

Le dimissioni del presidente hanno costretto Angela Merkel ad annullare il suo viaggio a Roma previsto per oggi. Il cancelliere tedesco ha telefonato al premier Mario Monti per rimandare l'incontro, assicurando di voler venire in Italia al più presto.

 

Commenti dal canale

TAG CLOUD