Seychelles, Costa Allegra rimorchiata da un peschereccio

di Francesca Porta 

Dopo un incendio e una notte alla deriva, la nave è stata raggiunta dai primi soccorsi. I passeggeri stanno bene

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Foto AP/LaPresse

Foto AP/LaPresse

Aggiornamento delle ore 14.30: la Costa Allegra non sbarcherà i passeggeri sull'isola di Desroches, ma sarà trainata fino a Mahè, capitale delle Seychelles. Ad annunciare il cambio di programma è stata la compagnia Costa Crociere: la decisione è stata presa «per motivi di sicurezza». L'arrivo della nave in porto è previsto per giovedì 1 marzo.

 

Quella della Costa Allegra è un'odissea che, per fortuna, sembra destinata al lieto fine. A differenza di quanto accaduto alla Concordia di fronte all'isola del Giglio, l'incidente che ieri ha spaventato le 1049 persone a bordo dell'Allegra non ha avuto gravi conseguenze.

La nave, da ieri alla deriva senza propulsione nel mare delle Seychelles a seguito di un incendio nella sala macchine, è stata raggiunta nella notte dal peschereccio francese Trevignon (lungo 90 metri), che è riuscito a rimorchiarla. Mentre si attende l'arrivo di un secondo peschereccio e di due rimorchiatori, l'Allegra ha già iniziato a muoversi verso l'isola Desroches, la più vicina.

Per arrivare, però, ci vorranno circa 33 ore: l'isola, infatti, si trova a 120 miglia dalla posizione di partenza della nave, che, tra l'altro, può essere trainata solo a una velocità ridotta (4 nodi). I coordinatori dei soccorsi pensano quindi che l'Allegra potrebbe raggiungere Desroches intorno alle 15 di mercoledì 29 febbraio. Difficilmente prima.

I passeggeri (636 persone) e i membri dell'equipaggio (413) sono tutti in buona salute. Ad affermarlo è il capitano di fregata Filippo Marini, portavoce della Capitaneria di Porto italiana, che sta seguendo le operazioni. «La situazione è assolutamente sotto controllo», ha infatti dichiarato. «Non ci sono criticità e i passeggeri stanno bene».

Il momento più critico è stata la notte: essendo andato in tilt tutto il sistema dei generatori, infatti, la Costa Allegra è rimasta completamente senza corrente, senza acqua calda e con poco cibo. I passeggeri hanno dovuto dormire sui ponti esterni, perchè con l'aria condizionata fuori uso l'interno della nave era diventato caldissimo.

Erano inoltre interrotti tutti i contatti con l'esterno, perchè l'antenna della telefonia satellitare era in tilt. L'unica voce che è riuscita ad uscire dalla nave è stata quella del comandante Nicolò Alba, attraverso il cellulare d'emergenza. Questo almeno, finchè la batteria non si è scaricata. Durante la notte, inoltre, anche il sistema di identificazione Ais è stato spento per evitare che la nave fosse individuata dai pirati.

Ora il peggio sembra essere passato. La nave si sta muovendo e i passeggeri sono stati invitati a preparare i bagagli: una volta arrivati a Desroches, saranno trasportati a Mahé, capitale delle Seychelles, da dove torneranno a casa.

LEGGI ANCHE:

>>Concordia, ritrovati otto corpi. C'è anche quello della piccola Dayana

>>Ascolta la telefonata tra il comandante Schettino e la capitaneria

>>Storie della Concordia

>>Giglio, naufraga una nave da crociera. Tre morti e decine di dispersi

TAG CLOUD