India, liberato Paolo Bosusco

di Francesca Porta 

L'uomo, rapito il 14 marzo insieme a Claudio Colangelo, è stato rilasciato. Le sue condizioni di salute sono buone

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Foto AP/LaPresse

Foto AP/LaPresse

«Tutto è finito. Va tutto bene». La voce di Paolo Bosusco, mentre parlava ai microfoni del Tg1, era calma e rassicurante. Dopo oltre un mese trascorso nelle mani dei suoi rapitori nella foresta di Soroda, in Orissa, questa mattina Bosusco è stato finalmente rilasciato.

La notizia è stata data dall'emittente indiana Ndtv, la stessa che il 25 marzo aveva annunciato la liberazione dell'altro ostaggio italiano, Claudio Colangelo. In seguito sono arrivate la conferma dell'ambasciatore d'Italia in India, Giacomo Sanfelice e quella della Farnesina.

Poi, finalmente, Bosusco in persona riesce a comunicare con l'Italia. «Sono finalmente libero. Sto bene», ha detto la guida turistica piemontese al Tg1. «Sono forte e me la sono cavata. Saluto tutti quelli che mi vogliono bene, la mia famiglia, mio padre, mia sorella, cugine, zie, parenti e tutti i miei amici sparsi in Italia e nel mondo. Non preoccupatevi, sapete che sono forte. Sto bene e torno presto in Italia».

Grande soddisfazione è stata espressa dal ministro degli Esteri Giulio Terzi: «È la notizia che aspettavamo. Si sta concludendo una vicenda molto complessa che in queste settimane ci ha visto impegnati a tutti i livelli e senza sosta, con l'obiettivo che in questi casi resta sempre quello di garantire anzitutto l'incolumità dei nostri connazionali».

LEGGI ANCHE:

>>Paolo Bosusco alla BBC: «Sto bene, sopravviverò»

>>India, liberato Claudio Colangelo

 

Commenti dal canale

TAG CLOUD