François e Valérie, una coppia di fatto all'Eliseo

di Francesca Porta 

La nuova première dame è Valérie Trierweiler. Ma, sottolineano i francesi più conservatori, non è la moglie di Hollande

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Foto LaPresse

Foto LaPresse

C'è una prima volta per ogni cosa. Anche per una coppia di fatto all'Eliseo. Con la vittoria del socialista François Hollande alle elezioni presidenziali, per la prima volta nella storia di Francia gli inquilini dell'Eliseo saranno due persone non sposate. Conviventi.

Se, infatti, è vero che Nicolas Sarkozy ha sposato Carla Bruni quand'era già presidente, è anche (e soprattutto) vero che al momento delle elezioni era ancora sposato con Cécilia. In quel caso, quindi, i cittadini francesi scelsero, oltre a un Capo di Stato conservatore e neogollista, anche una coppia tradizionale.

In questo caso, invece, i francesi hanno scelto un presidente socialista e una coppia di fatto. Il cambiamento è politico, certo, ma anche sociale. François Hollande e Valérie Trierweiler stanno insieme dal 2010, ma non si sono mai sposati, nè sembrano avere l'intenzione di farlo ora.

Hollande ha quattro figli nati dalla lunga relazione con Ségolène Royal, mentre Valérie, due volte divorziata, ha tre figli. La nuova première dame ha frequentato per anni l'Eliseo in qualità di cronista politica (per la rivista Paris Match), e ora diventerà la padrona di casa.

Come si sente? Alla domanda dei giornalisti, Valérie ha risposto con le stesse parole postate su Twitter subito dopo la notizia della vittoria di Hollande. «Semplicemente fiera di accompagnare il nuovo presidente della République e sempre felice di vivere con François».

La première dame non è sembrata affatto preoccupata per il suo nuovo ruolo: «Conosco la politica e conosco i media», ha detto Valérie. «Per me l'Eliseo sarà molto più facile di quanto non sia stato per Carla Bruni. Lei veniva da un mondo totalmente estraneo a quello della politica, non conosceva i codici».

Valérie ha inoltre dichiarato l'intenzione di continuare a lavorare. «Ho bisogno di guadagnarmi da vivere e non troverei normale che lo Stato o François si facessero carico dei miei tre figli».

E l'assenza del matrimonio? Non potrebbe creare qualche incidente diplomatico? Anche a questa domanda la première dame ha risposto con determinazione e sicurezza: «Problemi magari per una visita al Papa? Non mi preoccupo affatto. La questione del matrimonio resta prima di tutto un aspetto della nostra vita privata».

Leggi anche:

>>Francia, Hollande è il nuovo presidente

>>Carla e Valérie: chi preferisci?

>>Le (altre) donne protagoniste delle elezioni francesi