Indonesia, precipitato un aereo

di Francesca Porta 

Il Sukhoi Superjet è decollato da Giacarta per un volo dimostrativo, ma non è più tornato

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Foto LaPresse

Foto LaPresse

Aggiornamento delle ore 9.40: Il relitto del Sukhoi Superjet-100 è stato ritrovato in una regione montuosa a sud di Giacarta. L'aereo è precipitato poco tempo dopo il decollo. Non è ancora chiara la dinamica dell'incidente, ma sembrerebbe che il veicolo si sia schiantato contro una parete montuoso. Non è ancora possibile dire se ci sono sopravvissuti, ma è certo che non c'erano italiani a bordo.

In precedenza:

Un aereo con a bordo 50 persone è scomparso dai radar in Indonesia mentre stava effettuando un volo dimostrativo. Si tratta di un Sukhoi Superjet-100, un aereo russo decollato dall'aereoporto di Giacarta alle ore 14.20 (9.20 in Italia) con a bordo 46 passeggeri (soprattutto potenziali acquirenti, giornalisti e membri del corpo diplomatico russo) e 4 membri dell'equipaggio.

Secondo quanto riportato dall'agenzia di stampa russa Ria Novosti, a dodici minuti dalla partenza il pilota ha chiesto il permesso di scendere da 3000 a 1800 metri. L'aereo si trovava nella provincia occidentale di Giava, nei pressi del monte Salak, una zona nota per le sue dense foschie.

Da quel momento, il segnale è scomparso dai radar e i contatti con il personale di terra si sono interrotti. Sempre secondo l'agenzia di stampa russa, a bordo del Sukhoi ci sarebbero anche due cittadini italiani. La Farnesina sta effettuando delle verifiche.

Il Sukhoi Superjet-100 è il primo a piccolo-medio raggio disegnato e costruito in Russia (in collaborazione con Boeing e Finmeccanica) dopo il crollo del regime sovietico. La speranza era che potesse essere utile al rilancio di Mosca in campo aerospaziale.

TAG CLOUD