Londra 2012: l'Arabia Saudita consente alle donne di partecipare

di Francesca Porta 

È la prima volta che alle donne saudite è permesso di partecipare ai Giochi. La decisione è stata annunciata dall'ambasciata saudita a Londra

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Dalma Malhas, campionessa saudita di equitazione - Foto
LaPresse

Dalma Malhas, campionessa saudita di equitazione - Foto LaPresse

Ci sono volte in cui lo sport diventa protagonista di importanti cambiamenti sociali, veicolo di svolte epocali, occasione di rivoluzioni. È questo il caso delle Olimpiadi che tra poco più di un mese si svolgeranno a Londra: secondo quanto annunciato oggi dalla BBC, infatti, questi saranno i primi Giochi in cui sarà permessa la partecipazione delle donne saudite.

Dopo settimane di colloqui riservati tra il re Abdullah e le autorità religiose saudite, infatti, il comitato olimpico dell'Arabia Saudita ha deciso di «supervisionare la partecipazione delle atlete donne che sono in grado di qualificarsi» alle Olimpiadi.

Si tratta di una svolta epocale. È la prima volta nella storia delle Olimpiadi che alle donne saudite è concesso di partecipare ai Giochi. In Arabia Saudita, infatti, l'attività sportiva femminile in pubblico è severamente vietata. Le donne possono praticare sport in tutti gli altri Paesi musulmani e arabi, ma non in Arabia Saudita, dove vige una visione molto conservatrice dell'Islam e dove alle donne è vietato persino guidare.

In occasione di Londra 2012, però, cade almeno il tabù dello sport al femminile: le donne potranno gareggiare, anche se «vestite in modo tale da preservare la loro dignità».

Per conoscere i nomi delle atlete saudite che riusciranno a qualificarsi ci vorrà ancora del tempo; quel che è certo, però, è che ci sarà Dalma Rushdi Malhas, un'amazzone neanche ventenne che alcuni anni fa partecipò alle Olimpiadi Giovanili (ma non in rappresentanza dell'Arabia Saudita, bensì invitata a gareggiare dal comitato olimpico).

La speranza è che, insieme a Dalma Malhas, si qualifichi qualche altra donna, in modo da formare una piccola delegazione saudita al femminile. E che, se non tornerà a casa con una medaglia, di certo porterà un vento di novità e di emancipazione in tutto il Paese.

Leggi anche:

>>Londra 2012: il viaggio della fiamma olimpica

 

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    • 8
    • 15
  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    • 3
    • 0
  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    • 3
    • 0
  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    • 6
    • 5

Commenti dal canale

TAG CLOUD