Barack Obama: «La strada è dura, ma ce la faremo»

di Francesca Porta 

Il presidente degli Stati Uniti chiude la convention democratica puntando sul realismo. Insieme a lui, sul palco la moglie Michelle, il vice Joe Biden e le attrici Eva Longoria, Scarlett Johansson e Kerry Washington

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti

<<>0
1/

«I nostri problemi possono essere risolti, le nostre sfide vinte. Ma la strada non sarà facile, nè veloce». È un Barack Obama concreto e realista quello che ieri sera ha chiuso la convention democratica di Charlotte accettando la nomination elettorale.

Nel 2008, quando chiese per la prima volta agli americani di eleggerlo presidente, Obama puntò tutto su un concetto: hope. Cioè: la speranza. Oggi, quattro anni e una crisi economica dopo, il presidente è cambiato. Nelle sue parole c'è ancora la speranza originaria, nel suo cuore il sogno americano. Ma la realtà dura degli ultimi anni ha lasciato un segno indelebile nel suo proverbiale ottimismo.

«I tempi sono cambiati» - ha detto Obama - «e anche io sono cambiato. Non sono più solo un candidato, sono il presidente. So che non mi avete eletto per dirvi quello che volete sentirvi dire, mi avete eletto per dirvi la verità. E la verità è che ci occorre più di qualche anno per risolvere sfide che si sono accumulate per decenni».

Questo non significa, secondo il presidente, che risollevare l'America è una missione impossibile. Anzi. «Ma sarà necessario prendere grandi decisioni sul lavoro e sull'economia, sulle tasse e sul deficit, sull'energia e sull'istruzione, sulla guerra e sulla pace», ha detto Barack Obama. «Decisioni che avranno impatto sulla nostra vita e su quella dei nostri figli per i prossimi decenni».

Il popolo americano è chiamato a scegliere l'uomo che dovrà prendere quelle decisioni. «Prendete la scheda e votate», incita Obama. «Ricordatevi che dalla vostra decisione dipende il futuro. E questa non è solo una scelta tra due candidati o due partiti. È una scelta tra due diverse visioni, tra due diverse strade per l'America».

«La strada che vi indico io non è facile nè veloce. Saranno necessari uno sforzo comune, una responsabilità condivisa, esperimenti coraggiosi e insistenti, come quelli fatti da Francklin Delano Roosevelt», ha continuato il presidente Obama. «La strada che vi indico io può essere dura, ma conduce in un posto migliore. Io vi chiedo di scegliere questo futuro».

Applaudito dalla moglie Michelle e dalle figlie Malia e Sasha, Barack Obama ha illustrato gli obiettivi dei prossimi quattro anni: la creazione di «un milione di nuovi posti di lavoro» nell'industria manifatturiera, «600mila nuovi posti» nell'estrazione di gas naturale (e il taglio «della metà» delle importazioni di petrolio), il «raddoppio delle esportazioni».

E ancora: «Le rette dei college saranno tagliate della metà nei prossimi dieci anni e saranno assunti 100mila insegnanti di scienze e matematica». Saranno poi conclusi i ritiri delle truppe da Iraq e Afghanistan e, ovviamente, sarà ridotto il deficit: «In dieci anni il deficit sarà ridotto di 4mila miliardi». Sembra impossibile, ma Barack Obama ci crede ancora.

Ci crede anche Bill Clinton, che durante la convention ha tenuto un discorso molto sentito di appoggio al presidente. Ci credono Joe Biden e John Kerry, che ieri hanno preceduto Obama con i loro discorsi. Ci credono Eva Longoria, Scarlett Johansson e Kerry Washington, le tre giovani attrici che hanno portato un po' di Hollywood sul palco democratico di Charlotte.

Ci crederanno gli americani? I sondaggi parlano di un testa a testa tra Barack Obama e Mitt Romney: chiunque vincerà, avrà un distacco di pochi punti percentuali dall'avversario. Chiunque vincerà, avrà davanti a sè la sfida più dura che l'America ricordi dai tempi di Roosevelt.

Leggi anche:

>>Il discorso di Michelle Obama: «L'America ha ancora bisogno di Barack»

>>Mitt Romney e la convention repubblicana

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD