Obama vince il terzo dibattito. Romney attacca sulla crisi

di Francesca Porta 

Il presidente democratico si aggiudica il terzo e ultimo round del duello tv, dedicato alla politica estera. Lo sfidante repubblicano cerca di spuntarla portando la discussione sulla crisi economica

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti

<<>0
1/

Nessuno può battere il commander in chief in tema di politica estera. Se prima non se n'era reso conto, questa notte Mitt Romney lo ha imparato suo malgrado. Secondo il 48% degli spettatori della Cnn, infatti, il terzo dibattito elettorale - incentrato appunto sulla politica estera - è stato vinto (per non dire stra-vinto) dal presidente Barack Obama.

E come dargli torto? Nei quattro anni del suo mandato, Obama è riuscito in una delle imprese più importanti per tutti gli americani: uccidere Osama Bin Laden. Un successo immediatamente seguito dalla decisione di ritirare i soldati Usa dall'Afghanistan. Contro due punti fermi come questi, combattere è impossibile.

Mitt Romney, infatti, sembra quasi non tentarci nemmeno. Si congratula con il presidente per i risultati raggiunti, si dice d'accordo sulla linea intrapresa in Afghanistan e su quella seguita nel sostenere i Paesi della primavera araba. Persino sulla Libia e sulla Siria, le questioni ritenute più spinose, il candidato repubblicano non ha attaccato l'avversario.

I pochi colpi sferrati, poi, non sono affatto andati a segno. Anzi, in alcuni casi non hanno fatto che peggiorare la situazione. Come quando Romney ha detto: «La Marina di oggi è più piccola di quella del 1917: ha solo 285 navi. L'Air Force è più ridotta e vecchia del 1947: è inaccettabile».

La risposta di Obama non poteva essere più efficace: «Governatore, abbiamo meno navi, è vero. Abbiamo anche meno cavalli e baionette. Sa com'è, le cose cambiano. Ora abbiamo quelle cose che si chiamano portaerei, coi jet che ci atterrano sopra. Poi ci sono delle cose che vanno sott'acqua: si chiamano sottomarini atomici».

A quel punto, sommerso dai risolini del pubblico, Romney ha tentato la carta della Russia, rinfacciando al presidente la sua "amicizia" con Putin. Ma anche questa volta la strategia si rivela perdente: «Forse non si è accorto che la guerra fredda è finita da decenni», ha risposto Obama. «Quando si tratta di politica estera sembra voglia riproporre la politica estera degli anni Ottanta. Proprio come le politiche sociali degli anni Cinquanta e quelle economiche degli anni Venti».

Politiche economiche. È proprio qui che Barack Obama segna l'unico autogol. Mitt Romney, infatti, non si lascia scappare l'occasione e inizia ad attaccare l'avversario sul tema della crisi e della disoccupazione: «Il cammino del presidente vuol dire 20 milioni di persone senza lavoro. Io riporterò la gente al lavoro con 12 milioni di nuovi posti». E qui il candidato repubblicano riesce a guadagnare i cenni di assenso del pubblico.

Ma il tema della serata è un altro e Bob Schieffer, conduttore della Cbs, riporta subito la palla al centro. E dunque ad Obama. «Il governatore cambia continuamente idea (in fatto di politica estera, ndr). Questo è un problema non solo per i nostri alleati, ma anche per le nostre forze armate, che hanno bisogno di certezze», ha concluso il presidente. «Quello di cui hanno bisogno gli Stati Uniti è una leadership forte e ferma».

Chi sarà l'uomo in grado di esercitare questa leadership? Durante la campagna elettorale e i tre dibattiti televisivi delle ultime settimane, Obama e Romney hanno messo in chiaro le proprie posizioni e i propri programmi. Ora la parola va all'America.

Leggi anche:

>>Speciale Elezioni Usa 2012

>>La vittoria di Obama nel secondo dibattito

>>Romney batte Obama nel primo dibattito tv

>>Asino vs elefante: cosa significano i simboli dei partiti americani

DA STYLE.IT

  • News

    Family every Day, il web risponde al Family Day

    Family every Day, il web risponde al Family Day

  • News

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

    Bansky, nuova opera dedicata ai "miserabili" di Calais

  • News

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

    Asterix e Obelix contro il terrorismo #JeSuisParis

  • News

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

    Parigi, è il giorno dell'omaggio alle vittime

TAG CLOUD