Pistorius in aula, l'accusa è omicidio premeditato

di Francesca Porta 

Oscar Pistorius, accusato di aver ucciso la fidanzata Reeva Steenkamp, sarà processato per omicidio premeditato. Respinta la richiesta di libertà provvisoria su cauzione

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Oscar Pistorius in tribunale - Foto AP/LaPresse

Oscar Pistorius in tribunale - Foto AP/LaPresse

Aggiornamento delle ore 14.30:

Oscar Pistorius rischia una condanna all'ergastolo. L'accusa nei suoi confronti, formalizzata oggi in un'udienza al tribunale di Pretoria, è infatti di omicidio premeditato. Visto il capo d'imputazione, i giudici hanno respinto la richiesta di libertà provvisoria su cauzione avanzata dalla difesa. L'atleta non ha preso la parola in aula, ma una sua dichiarazione è stata letta da uno dei suoi avvocati: «Non intendevo uccidere Reeva, lo affermo nella maniera più categorica possibile. Ci amavamo alla follia».

In precedenza:

«Oscar Pistorius ha ucciso una donna innocente e disarmata». Il procuratore Nel Garrie ne è convinto: «Non esiste alcuna spiegazione possibile a conferma della tesi sul ladro. È omicidio premeditato». Secondo l'accusa, che questa mattina chiede ai giudici di Pretoria di confermare lo stato di arresto nei confronti di Pistorius, l'atleta sarebbe colpevole di aver deliberatamente ucciso la fidanzata Reeva Steenkamp nella notte tra il 13 e il 14 febbraio.

Secondo la ricostruzione presentata in aula da Garrie, quella notte Oscar Pistorius avrebbe indossato le protesi, avrebbe percorso circa sette metri con in mano un'arma e poi avrebbe sparato quattro colpi verso Reeva, che era chiusa a chiave in bagno. Come sappiamo, tre dei quattro spari hanno colpito la ragazza in modo letale. Successivamente, il velocista avrebbe spostato il corpo della fidanzata al piano inferiore.

La tesi della difesa è ovviamente diversa. Secondo gli avvocati di Pistorius, l'atleta avrebbe scambiato la fidanzata per un ladro e avrebbe aperto il fuoco convinto di sparare contro un intruso: «Non c'è nessun elemento che indichi la benché minima premeditazione». La difesa ha chiesto ai giudici di concedere al velocista, che in aula è scoppiato a piangere, la libertà provvisoria su cauzione.

Mentre a Pretoria continua il processo, oggi a Port Elizabeth (città natale di Reeva) sono stati celebrati i funerali della modella trentenne.

Leggi anche:

>>Pistorius, trovati in casa steroidi proibiti

>>Pistorius, per l'accusa è omicidio premeditato

>>Pistorius spara e uccide la sua fidanzata

 

Commenti dal canale

TAG CLOUD