Israele, Ebreo ucciso da una guardia del Muro del Pianto

di Manuela Puglisi 

Una guardia di sicurezza del Muro del Pianto spara a un israeliano, scambiandolo per un militante palestinese: aveva urlato "Allah è grande"

Manuela Puglisi

Manuela Puglisi

ContributorLeggi tutti


Il Muro del Pianto, foto Ansa

Il Muro del Pianto, foto Ansa

Al grido «Allah è grande» l'agente ha aperto il fuoco, sospettando si trattasse di un miliziano palestinese. È successo in Israele e a sparare è stato un agente della sicurezza del Muro del Pianto.
Il capo della polizia Micky Rosenfeld, riferisce l'AGI, ha spiegato
«Il fatto che abbia urlato "Allah è grande" ha spinto la guardia a tirare fuori la pistola e a sparare diversi colpi».
L'uomo, un ebreo di 46 anni, era in uno degli spogliatoi pubblici e in quel momento, verso le 8 del mattino, in piazza pregavano molti fedeli. Al loro arrivo, i medici non hanno potuto fare altro che constatare il decesso. L'area è stata ovviamente chiusa ai visitatori ed è stata aperta un'inchiesta sull'accaduto. Finora la polizia non ha trovato nulla di sospetto nel passato dell'uomo, assiduo frequentatore della piazza dove sorge il Muro del Pianto, definito dai fedeli una "persona eccentrica" e dai media locali come "uno squilibrato".

Leggi anche:

>>  Israele, Netanyahu vince, ma il parlamento è spaccato a metà

 

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    • 8
    • 15
  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    • 3
    • 0
  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    • 3
    • 0
  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    • 6
    • 5

Commenti dal canale

TAG CLOUD