Manovra, lunedì sciopero unitario dei sindacati

di Francesca Porta 

Cgil, Cisl e Uil hanno proclamato uno sciopero di tre ore contro la manovra

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Susanna Camusso, leader della Cgil

Susanna Camusso, leader della Cgil

Tre ore di sciopero. Da fare tutti insieme. È questa la decisione presa da Cgil, Cisl e Uil per manifestare il proprio dissenso nei confronti della manovra economica presentata in questi giorni dal governo Monti.

Dopo un incontro tra Susanna Camusso (Cgil), Raffaele Bonanni (Cisl) e Luigi Angeletti (Uil), i sindacati hanno indetto uno sciopero per lunedì 12 dicembre. L'invito ad incrociare le braccia per tre ore è rivolto a tutti i lavoratori, ad eccezione di quelli che operano nei servizi essenziali, nei trasporti e nel settore pubblico. Per loro, probabilmente, lo sciopero ci sarà venerdì 16 dicembre.

I sindacati, che ormai da tre anni non proclamavano uno sciopero unitario, si sono detti
«preoccupati per le conseguenze che la manovra economica determina sui lavoratori dipendenti, sui pensionati e sulle prospettive di sviluppo del Paese» e chiedono
«un incontro con il governo Monti per affrontare i problemi derivanti dalla manovra e chiedere i necessari cambiamenti».

«Il nostro obiettivo» - ha detto Susanna Camusso - «è ottenere modifiche sulle cose più problematiche per lavoratori e pensionati».

VEDI ANCHE:

>>Pensioni, insorgono i sindacati: «40 è un numero intoccabile»

>>Il premier in tv: «Gli italiani capiranno»

>>Monti: «Ecco il decreto salva-Italia». Tutte le misure

>>Manovra economica, le ultime novità

 

Commenti dal canale

TAG CLOUD