Lavoro, Elsa Fornero in tv: «Non possiamo discutere all'infinito»

di Francesca Porta 

Ospite di Fabio Fazio a Che tempo che fa, il ministro del Welfare ha spiegato la riforma del lavoro e cosa potrebbe cambiare per gli italiani

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Il ministro del Welfare Elsa Fornero - Foto LaPresse

Il ministro del Welfare Elsa Fornero - Foto LaPresse

Quella che inizia oggi, lunedì 19 marzo, è una settimana cruciale per l'Italia. Dopo quasi due mesi di trattative tra governo e parti sociali, infatti, nei prossimi giorni il percorso dell'esecutivo verso la riforma del lavoro potrebbe realmente arrivare a un punto di svolta.

Pochi giorni fa il premier Mario Monti ha raggiunto un'intesa sui principi della riforma con i segretari di Pdl, Pd e Udc, e domani, martedì 20 marzo, è previsto un incontro tra il presidente del Consiglio, i ministri del governo e le parti sociali. Un incontro che potrebbe rivelarsi decisivo.

Tutta l'importanza della settimana entrante si è riflessa, ieri sera, nelle parole e negli occhi di Elsa Fornero. Ospite di Fabio Fazio nella trasmissione Che tempo che fa (RaiTre), il ministro del Welfare e delle Politiche Sociali ha parlato della riforma e dei difficili giorni che l'attendono con determinazione e fermezza.

Per prima cosa, il ministro Fornero ha ribadito la volontà del governo di arrivare a un accordo con le parti sociali, «perché una riforma del lavoro incisiva, importante, ha un valore più alto se fatta con l'accordo tra le parti, sindacati tutti e parti datoriali».

«È tanto tempo che non si fanno riforme nel mercato del lavoro con l'accordo delle parti», ha dichiarato il ministro. «Se ne sono fatte molte, però c'è sempre stata divisione, come nella politica. Anche qui è arrivato il momento di essere tutti insieme. Sono impegnata a realizzare questo accordo».

Questo non significa, però, che la trattativa possa durare all'infinito: «Siamo abbastanza maturi sui contenuti. Abbiamo un tempo limitato, affrontiamo i problemi con serietà, accogliendo il parere di tutti, ma non possiamo continuare a discutere all'infinito. Io direi che dovrebbe essere la settimana prossima».

>>La riforma del lavoro punto per punto

Anche perchè, ha aggiunto il ministro, ci sono molti problemi da risolvere. A partire da quello dell'occupazione giovanile e femminile. «Il primo obiettivo della riforma è quello di rendere l'occupazione dei giovani un po' più facile, in termini di quantità, e un po' migliore in termini di quantità », ha detto Elsa Fornero. «Sui giovani si è scaricata tutta la flessibilità cattiva, che ha dato precarietà... noi vogliamo ripulire, togliere certe forme contrattuali che sono state usate male. Dare più facilità di ingresso nel mondo del lavoro e più stabilità».

Come fare? Un primo passo è quello di regolamentare gli stage. «Ci sono oggi molti ragazzi che non trovano altro che stages, ha detto il ministro Fornero. «Stage vuol dire lavoro a costo zero, zero remunerazione. Noi diciamo che lo stage può essere formativo, è giusto che l'università non sia ossificata: quando studi, puoi fare lo stage. Quando hai finito, lo stage non è più consentito. Volete qualcuno? Lo pagate!».

Un secondo passo è quello di eliminare alcuni dei contratti flessibili (ad esempio contratti a progetto e co.co.co.): «La flessibilità che costa poco finisce per essere molto usata indipendentemente dalla persona: la prendi, la usi e la mandi. Questo non va bene! La flessibilità deve costare un po' di più. L'impresa deve essere spinta a usare un contratto, dominante, che è il contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato».

Un altro tema affrontato dal ministro durante l'intervista televisiva è stato quello della possibile revisione dell'articolo 18: «La proposta che noi facciamo non vuol dire libertà di licenziare. Vuol dire passare da una filosofia che tende a tenere attaccato il lavoratore a quel posto di lavoro, anche quando quel posto non è più produttivo, a una filosofia nella quale noi aiutiamo il lavoratore a entrare nel mercato».

I punti da discutere in questi giorni sono tanti, e complessi. Ma quando Fabio Fazio ha chiesto al ministro «lei è ottimista?», Elsa Fornero non ha esitato a rispondere: «Sono positiva sul lavoro che stiamo facendo. Stiamo lavorando per il Paese. E per il suo futuro».

 

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    • 8
    • 15
  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    • 3
    • 0
  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    • 3
    • 0
  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    • 8
    • 5

Commenti dal canale

TAG CLOUD