Istat: benzina e carrello della spesa sempre più cari

di Francesca Porta 

Nel mese di aprile il carburante è aumentato del 3,1%, il carrello della spesa dello 0,5%. Sono rincari record

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Foto LaPresse

Foto LaPresse

Fare la spesa è diventato sempre più costoso per le famiglie italiane. Fare benzina, poi, non ne parliamo. Non servivano certo i dati dell'Istituto di Statistica per intuirlo, basta fare un rapido calcolo di quanto spendiamo negli ultimi mesi per acquistare il carburante e i beni di prima necessità. L'Istat, però, può fornire numeri precisi. Numeri che certo non sono confortanti.

Secondo i dati raccolti durante il mese di aprile, infatti, il prezzo della benzina è aumentato del 3,1% su base mensile e del 20,8% su base annua. In pratica, il rialzo tendenziale è il più alto mai registrato dal gennaio 1996. Anche il prezzo del gasolio è in aumento: i rincari sono dello 0,9% su base mensile e del 20,5% su base annua.

In salita anche i prezzi degli alimentari e di tutti i prodotti acquistati con maggiore frequenza. Sempre secondo l'Istat, il costo del carrello della spesa è salito del 4,7% su base annua (un valore superiore al tasso d'inflazione, fermo al 3,3%) e dello 0,5% su base mensile.

Come si traducono queste percentuali nella vita di tutti i giorni? A fare il calcolo è stato il Codacons: «Significa che una famiglia di tre persone spenderà, per fare la spesa di tutti i giorni, 635 euro in più all'anno, mentre per una famiglia di quattro persone la stangata sarà di 686 euro all'anno».

«È evidente» - ha poi concluso il Codacons - «che aumentare l'Iva a ottobre (dal 21 al 23%, ndr) significherebbe un'ulteriore spinta sui prezzi già alle stelle».

 

Commenti dal canale

TAG CLOUD