Fornero: «Anche gli statali siano licenziabili»

di Francesca Porta 

L'auspicio del ministro del Lavoro è che non ci siano difformità di trattamento tra dipendenti pubblici e privati. Tu cosa ne pensi?

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Foto LaPresse

Foto LaPresse

Aggiornamento di lunedì 4 giugno: Oggi il ministro del Lavoro Elsa Fornero è tornata a parlare di parità di trattamento tra dipendenti pubblici e privati. «Nei giorni scorsi avevo già espresso questo auspicio e credo che debba essere preso in considerazione», ha dichiarato la Fornero. «Io sono anche ministro delle Pari Opportunità , che non riguarda solo uomini e donne, ma anche lavoratori pubblici e privati, lavoratori immigrati e lavoratori nativi. C'è un concetto più ampio e mi parrebbe in contrasto con il mio mandato se dicessi che le cose dovessero andare diversamente».

In precedenza:

«Non vogliamo difformità di trattamento tra dipendenti pubblici e privati». Le parole pronunciate ieri dal ministro del Lavoro Elsa Fornero non potrebbero essere più chiare. A una settimana di distanza dal voto di fiducia in Senato sulla riforma del lavoro, il ministro auspica che le misure previste dalla nuova legge per i privati vengano estese anche ai dipendenti pubblici.

«Non è possibile che noi diciamo certe cose sul settore privato e poi non le applichiamo nel pubblico», ha dichiarato la Fornero. «Mi rendo conto che quello dei dipendenti statali non è un mercato, le regole sono diverse, ma auspico che, relativamente alla possibilità di licenziare, nella pubblica amministrazione si arrivi a qualcosa di simile a quanto fatto per i dipendenti privati».

L'applicazione della nuova riforma del lavoro alla pubblica amministrazione (possibile con una legge delega) è compito del ministro della Funzione pubblica Patroni Griffi, che ha prontamente risposto alla collega: «Il tema del licenziamento degli statali è già previsto nel testo prediposto per la legge delega. Approfondiremo gli aspetti tecnici nel prossimo Consiglio dei ministri».

E tu cosa ne pensi? È giusto che sia applicata la stessa legge per i dipendenti pubblici e per quelli privati? Oppure la pubblica amministrazione dovrebbe avere regole diverse?

Leggi anche:

>>Lavoro, arriva il salario base per i co.co.pro.

>>Disoccupazione, il 36% dei giovani è senza lavoro

>>La riforma del lavoro punto per punto

>>Articolo 18, torna la possibilità del reintegro

 

TAG CLOUD