EmiliAmo, un network di donne per reagire al terremoto

di Francesca Porta 

Cento donne emiliane hanno avviato un progetto per aiutare i paesi terremotati

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Il logo di EmiliAmo

Il logo di EmiliAmo

Un cuore e un tortellino. Sono questi i simboli di EmiliAmo, un network fondato pochi giorni fa a Modena da un gruppo di donne (e qualche uomo) che intende promuovere gesti concreti per reagire ai danni del terremoto che il 20 e il 29 maggio ha duramente colpito l'Emilia Romagna.

Il cuore simboleggia l'amore per la propria terra e la passionalità delle donne emiliane. Il tortellino, invece, è l'emblema dell'intraprendenza di queste donne che sono mogli e madri, negozianti e imprenditrici. Dopo le forti scosse che hanno danneggiato abitazioni, strutture pubbliche, negozi e aziende, è nata l'idea di unire passionalità e intraprendenza in una rete di sostegno al femminile.

Il lavoro di EmiliAmo si svolge su tre fronti: la raccolta di fondi e materiali per i terremotati, la vendita online dei prodotti dei negozi oggi chiusi a causa del sisma, e la pressione sulla politica nazionale e locale perché la ricostruzione avvenga con il recupero dei centri storici.

Per quanto riguarda la raccolta di materiali per i terremotati, le donne di EmiliAmo cercano colori, giochi, libri e palloni per i bambini che si apprestano a trascorrere l'estate nelle tendopoli. Per gli anziani, invece, sono utili lenzuola, traverse, saponette e bagnoschiuma, biscotti, caffè e altri generi alimentari. Ventilatori per il caldo e, infine, carte da gioco e vino per lo spirito.

Per evitare il tracollo economico degli esercizi commerciali che sono stati costretti a chiudere a causa del sisma, EmiliAmo offre la possibilità di vendere i propri prodotti (di ogni genere, non solo alimentari) attraverso il proprio sito internet, www.emiliamo.it. Attualmente l'area e-commerce non è ancora stata attivata, ma arriverà a breve: qui i negozianti potranno vendere on line le loro merci che al momento giacciono nei magazzini. Nel frattempo, sabato 23 e domenica 24 giugno si terrà a Palagano (Modena) il primo mercatino dei negozi terremotati.

Il terzo obiettivo, infine, è tenere alta l'attenzione delle istituzioni sull'importanza di ricostruire e riaprire il centro storico. «È importantissimo ricostruire subito il centro storico: è il cuore di commercio, affari e cultura, è luogo di ritrovo. Il centro storico è tutto, lasciarlo morire significherebbe uccidere moralmente questi paesi», ha dichiarato Claudia Miglia, coordinatrice del progetto. «L'aiuto più concreto è continuare a venire da noi senza paura. Vi aspettiamo per accogliervi, come sempre, con cuore e tortellini».

Per contribuire al progetto EmiliAmo è possibile inviare un bonifico a Claudia Miglia, Progetto EmiliAmo - Banca Popolare dell'Emilia Romagna -AG21- via Vignolese, 19 - 41124 Modena. Codice iban: IT47A0538712926000002061873. Presto, inoltre, saranno in vendita la spille con il simbolo di EmiliAmo.

Leggi anche:

>>Emilia, gesti di solidarietà

>>Emilia, dove acquistare il parmigiano della solidarietà

>>Napolitano in Emilia: «Non sarete dimenticati»

>>Terremoto, il bilancio delle vittime sale a 26

 

Commenti dal canale

TAG CLOUD