Spending review, tagli da 26 miliardi

di Francesca Porta 

Il Consiglio dei Ministri ha varato il decreto legge. Dimezzate le Province e le auto blu, salvi i piccoli ospedali

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Enrico Bondi e Mario Monti - Foto AP/LaPresse

Enrico Bondi e Mario Monti - Foto AP/LaPresse

26 miliardi di euro in tre anni. È questo l'ammontare dei tagli contenuti nel decreto legge della spending review, approvato questa notte dal Consiglio dei Ministri dopo un vertice di sette ore. Il provvedimento - il cui nome completo è «Disposizioni urgenti per la riduzione della spesa pubblica a servizi invariati» - prevede infatti un risparmio per lo Stato di 4,5 miliardi per il 2012, 10,5 miliardi per il 2013 e 11 miliardi per il 2014. In totale, appunto, 26 miliardi di euro.

Come hanno spiegato il premier Mario Monti e il commissario straordinario Enrico Bondi, questi risparmi permetteranno di evitare l'aumento di due punti percentuali dell'Iva fino al 30 giugno 2013, lo stanziamento di 2 miliardi per la ricostruzione delle zone danneggiate dal sisma e la copertura della salvaguardia pensionistica per altri 55.000 esodati.

Ecco, in sintesi, gli interventi principali previsti dal decreto legge.

Province: gli enti provinciali saranno praticamente dimezzati. Dalle attuali 110 Province, infatti, si passerà a circa 50 entro la fine del 2012. I criteri attraverso i quali verranno tagliate sono l'estensione territoriale e l'entità della popolazione. Intanto, sono stati ridotti i trasferimenti dallo Stato agli enti locali (Province, Regioni e Comuni).

Dipendenti pubblici: il decreto prevede il taglio del 10% dei dipendenti pubblici e del 20% dei dirigenti. A decorrere dall'ottobre 2012, inoltre, il valore dei buoni pasto per i dipendenti della pubblica amministrazione sarà bloccato a un massimo di 7 euro. Le ferie e i riposi saranno obbligatoriamente fruiti (non sono previsti trattamenti economici sostitutivi). Stop alle consulenza per i dipendenti pubblici che andranno in pensione.

Pubblica amministrazione: le pubbliche amministrazioni potranno «rescindere contratti di lungo periodo non più convenienti o troppo onerosi» per quanto riguarda l'acquisto di beni e servizi. Per quanto riguarda le società pubbliche, è previsto il taglio dei cda, che avranno solo tre membri.

Esercito: il decreto prevede il taglio del 10% dell'organico delle Forze Armate. Ridotti anche i finanziamenti per gli armamenti (-100 milioni di euro) e le missioni di pace (-8,9 milioni).

Auto blu: previsto il taglio del 50% rispetto al 2011 per i fondi relativi al parco auto.

Tribunali: la spending review prevede il taglio di 37 tribunali, 38 procure e 220 sedi distaccate. Saranno istituite le superprefetture: gli uffici territoriali dello Stato del Comune capoluogo di Regione assorbiranno le funzioni di tutte le amministrazioni periferiche che hanno sede nella stessa regione.

Sanità: non ci sarà il taglio dei piccoli ospedali, ma anche la sanità dovrà contribuire alla spending review. Sarà anticipato il taglio del 5% sull'acquisto di beni e servizi (che sarebbe entrato in vigore dal 2013), sarà previsto l'aumento dello sconto che farmacie ed aziende farmaceutiche praticano allo Stato. Saranno, inoltre, tagliati i posti letto: ne sono previsti 3,7 ogni 1000 abitanti, contro gli attuali 4.

Scuola: previsto un aumento di 90 milioni di euro per il Fondo di intervento integrativo per la concessione di prestiti d'onore e l'erogazione delle borse di studio da ripartire tra le Regioni. Salta, invece, l'aumento dei fondi per le scuole paritarie.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD