Emilia, rivolta contro le tasse sui terremotati

di Francesca Porta 

Sindaci e governatori contestano la decisione dell'Agenzia delle Entrate di non concedere proroghe alla sospensione dei versamenti tributari da parte dei cittadini colpiti dal sisma

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Foto LaPresse

Foto LaPresse

«Chi ha avuto la casa inagibile non può pagare l'Imu. Le aziende che hanno subito danni non devono pagare le tasse nel 2013». La posizione del governatore dell'Emilia Romagna Vasco Errani è chiara. Le sue richieste sono precise.

Visto lo stato in cui si trova la Regione dopo le forti scosse di terremoto del 20 e del 29 maggio, il presidente Errani chiede all'Agenzie delle Entrate e allo Stato di «rinviare tutti i pagamenti delle tasse per chi ha la casa inagibile o ha avuto danni alla propria azienda». L'appello è condiviso dal governatore della Lombardia Roberto Formigoni e da quello del Veneto, Roberto Zaia.

Le agevolazioni fiscali concesse all'indomani del terremoto, infatti, stanno per scadere. Se non ci saranno ulteriori interventi del governo, a partire dal primo ottobre i terremotati dovranno ricominciare a pagare Imu, Irpef e tutti i tributi che erano stati sospesi in questi mesi.

Errani e gli altri governatori ritengono che l'interruzione al 30 settembre della sospensione dei versamenti tributari sarebbe prematura. Per questo propongono di rinviare la scadenza al 30 novembre per tutti i residenti delle zone colpite. Per chi continua ad avere problemi abitativi e lavorativi, invece, la proposta è quella di rinviare la scadenza al 30 giugno 2013.

La richiesta, inviata all'Agenzia delle Entrate, è stata respinta. «La scadenza del termine di sospensione degli adempimenti e dei versamenti tributari rimane fissata al 30 settembre 2012», ha fatto sapere l'ente il 17 agosto.

Ma il presidente della Regione non si arrende: «Abbiamo fatto molto e non era facile. Ma c'è chi ancora ha bisogno di un regime di fiscalità agevolata. Si tratta di applicare un semplice principio di civiltà giuridica: chi non ha la casa agibile, non dovrebbe pagare l'Imu».

Le richieste dei Errani hanno trovato un importante ascoltatore nel ministro della Giustizia Annamaria Cancellieri. «Sottoscrivo ogni singola parola del governatore», ha dichiarato il ministro solo pochi giorni fa. «La trattativa è ancora aperta».

Leggi anche:

>>Il sorriso delle donne emiliane

>>EmiliAmo, un network di donne per reagire al terremoto

>>Emilia, gesti di solidarietà

>>Emilia, dove acquistare il parmigiano della solidarietà

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD