Imu alla Chiesa, il Consiglio di Stato boccia il decreto

di Francesca Porta 

Secondo Palazzo Spada, in molte parti il decreto esula dalle competenze che erano state affidate dalla legge. Il ministro Grilli replica: «L'obiettivo è che tutti paghino l'Imu»

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Il Consiglio di Stato ha bocciato il decreto del Tesoro
sull'applicazione dell'Imu su alcuni edifici della Chiesa - Foto
LaPresse

Il Consiglio di Stato ha bocciato il decreto del Tesoro sull'applicazione dell'Imu su alcuni edifici della Chiesa - Foto LaPresse

L'applicazione dell'Imu sugli edifici di proprietà della Chiesa dovrà attendere. Quest'oggi, infatti, il Consiglio di Stato ha bocciato il decreto del Tesoro che conteneva questo provvedimento in quanto in molte parti «esula» dalle competenze che erano state affidate dalla legge.

Secondo i giudici di Palazzo Spada, dunque, con questo decreto il ministero dell'Economia è andato oltre i poteri regolamentari che gli sono conferiti dalla legge. In particolare, il testo prevede l'estensione dell'Imu a tutti quei beni immobili della Chiesa non destinati al culto in maniera esclusiva (quelli, dunque, totalmente o parzialmente commerciali).

Ma «non è demandato al ministero di dare generale attuazione alla nuova disciplina dell'esenzione Imu per gli immobili degli enti commerciali», si legge nella sentenza del Consiglio di Stato. «L'amministrazione ha compiuto alcune scelte applicative, che non solo esulano dall'oggetto del potere attribuito, ma che sono state effettuate in assenza di criteri o altre indicazioni normative atte a specificare la natura non commerciale di un'attività».

La replica del ministro dell'Economia Vittorio Grilli non ha tardato: «L'obiettivo del governo resta quello di assoggettare tutti i soggetti al pagamento dell'Imu. Troveremo le soluzioni tecniche appropriate».

 

Commenti dal canale

TAG CLOUD