Province, pronto il decreto sui tagli. Ecco cosa cambierà

di Francesca Porta 

Saranno accorpate quelle con meno di 350mila abitanti e con una superficie non inferiore ai 2500 chilometri quadrati

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Immagine tratta da Google Maps

Immagine tratta da Google Maps

La riforma delle Province è ormai alle porte. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, il decreto legge che taglierà gli enti provinciali sarebbe quasi pronto e potrebbere arrivare sul tavolo del Consiglio dei Ministri già nei primi giorni del mese di novembre.

Con l'entrata in vigore dei nuovi criteri, le Province scenderanno da 86 a 50. I nuovi enti, infatti, dovranno avere almeno 350mila abitanti ed estendersi su una superficie territoriale non inferiore ai 2500 chilometri quadrati. Secondo quanto calcolato dal Corriere della Sera, questa sarebbe la situazione dopo i tagli.

Piemonte: su otto Province attuali, rimarrebbero in vita Torino (che diventa città metropolitana) e Cuneo. Alessandria e Asti diventeranno una sola Provincia, così come saranno accorpate Vercelli, Biella, Verbano-Cusio e Novara. Per un totale, dunque, di quattro Province.

Lombardia: rimarrebbero invariate Milano (che diventa città metropolitana), Brescia, Bergamo e Pavia. Dovrebbero invece essere accorpate le attuali Province di: Como, Varese e Monza Brianza; Lodi, Mantova e Cremona; Sondrio e Lecco. In totale si passerebbe da dodici a sette Province.

Veneto: rimarrebbero in vita Venezia (città metropolitana), Verona e Vicenza. Accorpamento per Rovigo e Padova e per Belluno e Treviso. Per un totale di cinque Province (invece di sette).

Liguria: salve Genova (che diventa città metropolitana) e La Spezia. Accorpate in una sola Provincia Savona e Imperia. La Liguria passerebbe così da quattro a tre Province.

Emilia Romagna: resterebbero invariate Bologna (città metropolitana) e Ferrara. Verrebbero invece accorpate Modena e Reggio Emilia, Parma e Piacenza, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini. Da nove Province, si passerebbe a cinque.

Toscana: Firenze diventa città metropolitana. Verrebbero accorpate: Grosseto, Siena e Arezzo; Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato; Pisa e Livorno. Da dieci Province si passerebbe a quattro.

Umbria: da due Province si passerebbe a una, accorpando Perugia e Terni.

Marche: si salverebbero Ancona e Pesaro e Urbino. Accorpate, invece, Ascoli Piceno, Macerata e Fermo. Per un totale di tre province (invece di cinque).

Lazio: Roma diventa città metropolitana. Frosinone e Latina sarebbero accorpate, così come Rieti e Viterbo. Da cinque Province a tre.

Abruzzo: sarebbero accorpate L'Aquila e Teramo, Pescara e Chieti. Da quattro Province a due.

Molise: sarebbero accorpate in una sola Provincia Campobasso e Isernia.

Campania: salve Napoli (città metropolitana), Salerno e Caserta. Sarebbero invece accorpate Avellino e Benevento. Da cinque Province, si passerebbe dunque a quattro.

Basilicata: sarebbero accorpate in una sola Provincia Potenza e Matera.

Puglia: da sei Province si passerebbe a quattro. Invariate Bari (città metropolitana) e Lecce; accorpate Foggia e Barletta-Andria-Trani, Taranto e Brindisi.

Calabria: Reggio Calabria diventa città metropolitana. Accorpate Cosenza e Crotone, Catanzaro e Vibo Valentia. Da cinque a tre Province.

Regioni a Statuto speciale: per ora non sono previste modifiche in Val D'Aosta, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Sicilia (queste regioni avranno sei mesi di tempo per adeguarsi alle regole nazionali). La Sardegna, invece, ha già deciso di passare da otto a quattro Province: rimarranno in vita Cagliari, Sassari, Nuoro e Oristano.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD