Grillo vieta ai suoi di andare in tv. Sei d'accordo?

di staff Style.it 

Il leader del Movimento 5 Stelle ha ribadito la sua contrarietà alla partecipazione dei grillini ai talk show televisivi

«È fortemente sconsigliata (in futuro sarà vietata) la partecipazione ai talk show». L'opinione di Beppe Grillo non potrebbe essere più chiara: i membri del Movimento 5 Stelle dovrebbero evitare la televisione come se fosse la peste.

Il comico lo aveva detto la scorsa settimana, dopo la partecipazione a una puntata di Ballarò del consigliere comunale di Bologna Federica Salsi, e lo ribadisce oggi in post che si intitola: «Grillo for dummies» (Grillo spiegato agli stupidi).

«Non sono "vietate" interviste di eletti del M5S trasmesse in televisione per spiegare le attività di cui sono direttamente responsabili», ha scritto Beppe Grillo. «È fortemente sconsigliata (in futuro sarà vietata) la partecipazione ai talk show condotti abitualmente da giornalisti graditi o nominati dai partiti, come è il caso delle reti Rai, delle reti Mediaset e de La7».

Grillo, insomma, è contrario alla partecipazione dei suoi ai talk show. Perché? Qualcuno sostiene che dietro questa scelta ci sia il timore del confronto, altri credono che lo scopo sia farsi rincorrere dalla televisione. Non rincorrerla. Tu cosa ne pensi? È giusto che un politico eviti la televisione?

DA STYLE.IT

  • News

    Sergio Mattarella si taglia lo stipendio

    Il presidente della Repubblica ha rinunciato a una parte cospicua del suo stipendio

  • News

    Il Times incorona Angela Merkel donna dell'anno

    Angela Merkel è la donna del 2014 secondo il Times

  • News

    La Top Ten dei più potenti del mondo

    Il magazine Forbes pubblica la top ten del più potenti del mondo

  • mySelf

    Riforma della scuola & dintorni

    Riforma della scuola & dintorni

TAG CLOUD