Primarie Pd, Bersani: «Hanno vinto donne e giovani»

di Francesca Porta 

Passano Rosy Bindi, Anna Finocchiaro e la campionessa olimpica Josefa Idem. Non ce la fa, invece, Giorgio Gori

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Le primarie dei parlamentari del Pd si sono svolte il 29 e il 30
dicembre - Foto AP/LaPresse

Le primarie dei parlamentari del Pd si sono svolte il 29 e il 30 dicembre - Foto AP/LaPresse

«Sono felice. Dai primi risultati emerge il successo di giovani e donne». Sono queste le prime parole pronunciate (via Twitter) dal segretario del Pd Pierluigi Bersani per commentare i risultati delle primarie per la scelta dei parlamentari che si sono svolte sabato 29 e domenica 30 dicembre.

Alle consultazioni (svoltesi in contemporanea con quelle di Sel) hanno partecipato oltre un milione di persone, cioé un terzo di quanti andarono a votare il 2 dicembre per scegliere chi sarebbe stato il candidato premier tra Bersani e Matteo Renzi. Un buon risultato, soprattutto tenendo conto del minor appeal di queste primarie e del week end così a ridosso delle feste.

I risultati che stanno arrivando regione per regione sono ancora provvisori, ma ci sono già alcuni dati certi. In Lazio, ad esempio, sta vincendo Stefano Fassina, responsabile economico del partito, seguito da due donne: Micaela Campana e Ileana Argentin. A Taranto, invece, la maggioranza degli elettori ha votato per la senatrice Anna Finocchiaro.

A Ravenna è in testa la campionessa olimpica di canoa Josefa Idem, mentre in Calabria riesce a conquistare un posto in lista Rosy Bindi e in Lombardia ha stravinto Barbara Pollastrini. Non ce l'ha fatta, invece, lo spin doctor di Renzi Giorgio Gori (ma molti renziani sì, da Matteo Richetti a Modena a Elisa Simoni a Firenze).

A conquistare il primato del vincitore più giovane è Enzo Lattuca, che a soli 25 anni ha stravinto a Cesena (Emilia Romagna). Dopo di lui Giuditta Pini (28 anni), che a Modena ha stravinto, superando anche le parlamentari uscenti Manuela Ghizzoni e Mariangela Bastico.

«Il meccanismo della doppia preferenza di genere ha funzionato», ha dichiarato il vicesegretario Enrico Letta, ricordando la regola per cui ogni elettore che ha scelto due nomi ha dovuto obbligatoriamente indicare una preferenza maschile e una femminile. «Si notano infatti grandi successi per molte donne e anche per molti giovani».

«Abbiamo fatto una cosa difficilissima, ma bellissima», ha concluso Pierluigi Bersani esprimendo tutta la sua soddisfazione. «Correre qualche rischio significa ottenere anche qualche risultato»

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD