Giornata della Memoria, Berlusconi: «Mussolini fece anche cose buone»

di Francesca Porta 

È polemica sulle parole pronunciate dal Cavaliere a Milano idurante le celebrazioni in ricordo delle vittime della Shoah

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Silvio Berlusconi a Milano per le celebrazioni della Giornata
della Memoria - Foto AP/LaPresse

Silvio Berlusconi a Milano per le celebrazioni della Giornata della Memoria - Foto AP/LaPresse

«Le leggi razziali sono state la peggiore colpa di Mussolini, che per tanti altri versi invece aveva fatto bene». Le parole di Silvio Berlusconi hanno colpito la Giornata della Memoria come un fulmine. Durante l'inaugurazione del Memoriale di Milano in ricordo delle vittime della Shoah, il Cavaliere ha infatti dichiarato che il Duce «fece anche cose buone» e che l'Italia non ha «le stesse responsabilità della Germania» perché «ci fu una connivenza che all'inizio non fu completamente consapevole».

Le dichiarazioni hanno sollevato un vero e proprio turbine di polemiche. Il leader dell'Udc Pierferdinando Casini ha definito le parole di Berlusconi «una sciocchezza immane», mentre il premier uscente Mario Monti ha detto: «Se era una battuta, è stata davvero infelice». Il ministro Andrea Riccardi ha rincarato la dose: «Non si può far credere che il fascismo sia stato un regime buono e casareccio con alcuni aspetti negativi».

Durissimo il commento del capogruppo del Pd alla Camera Dario Franceschini: «Le parole di Berlusconi sono una vergogna e un insulto alla storia e alla memoria. Chieda scusa agli italiani». Il leader di Sel Nichi Vendola ha definito il Cavaliere «un falsario, sia quando parla del presente che quando parla del passato», mentre Pierluigi Bersani lo ha accusato di aver «usato la Giornata della Memoria per una manovretta elettorale e per richiamare un po' di voti dalla destra fascistoide».

Renzo Gattegna, presidente dell'Unione delle comunità ebraiche italiane, ha parlato di «dichiarazioni sconcertanti, superficiali e inopportune. Lasciano intendere che l'Italia abbia deciso di perseguitare e sterminare i propri ebrei per compiacere un alleato potente, ma in realtà le persecuzioni e le leggi razziste antiebraiche italiane hanno avuto origine ben prima della guerra e furono attuate in tutta autonomia sotto la piena responsabilità del regime fascista».

La bufera scatenatasi ha indotto Silvio Berlusconi a tornare sull'argomento: «Non ci può essere alcun equivoco sulla dittatura fascista» - ha dichiarato il leader del Pdl in serata - «lo ribadisco, anche se pensavo che questo dato fosse chiaro per tutta la mia storia politica passata e presente».

Leggi anche:

>>L'Italia celebra la Giornata della Memoria

>>Libri (e una testimonianza) per non dimenticare

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD