Pietro Maso torna libero dopo 22 anni di carcere

di staff Style.it 

Il prossimo 15 aprile Maso avrà scontato la sua pena. Nel 1991 aveva ucciso i genitori per impossessarsi dell'eredità


Pietro Maso - Foto Ansa

Pietro Maso - Foto Ansa

Il 15 aprile Pietro Maso sarà un uomo libero. Dopo 22 anni di carcere, l'ex ragazzo «della Verona bene» che nel 1991 uccise i genitori per impossessarsi dell'eredità , ha finito di scontare la sua pena. Era stato condannato a 30 anni e due mesi, ma con l'indulto e la liberazione anticipata la pena si è ridotta a 22 anni.

I fatti risalgono alla notte tra il 17 e il 18 aprile del 1991 a Montecchia di Crosara (in provincia di Verona). Pietro Maso, insieme a tre amici, attese il ritorno a casa dei genitori, Antonio Maso e Maria Rosa Tessari, e li uccise colpendoli con una spranga e altri oggetti contundenti. L'omicidio fu violento: il ragazzo, allora ventenne, impiegò oltre cinquanta minuti a togliere la vita ai genitori.

Pietro Maso confessò il delitto dopo due giorni e fu condannato a 30 anni e due mesi di reclusione nel carcere milanese di Opera. Dal 2008 l'uomo è in semilibertà , di giorno lavora come addetto delle pulizia al Provveditorato regionale dell'amministrazione penitenziaria (a Peschiera Borromeo) e di notte torna a dormire in carcere. Nel 2010 si è sposato. Dal 15 aprile tornerà definitivamente libero.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD