Pietro Grasso è il nuovo presidente del Senato

di Francesca Porta 

Con 137 voti, Palazzo Madama ha nominato presidente l'ex procuratore nazionale antimafia eletto nelle liste del Pd

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Pietro Grasso - Foto Getty Images

Pietro Grasso - Foto Getty Images

Pietro Grasso è il nuovo presidente del Senato. L'ex procuratore nazionale antimafia, eletto nelle liste del Pd, è stato nominato presidente di Palazzo Madama con 137 voti. Lo sfidante Renato Schifani si è fermato a quota 117 voti.

Nato a Licata il 1° gennaio del 1945, Pietro Grasso ha iniziato la sua carriera nella magistratura nel 1969 in qualità di pretore a Barrafranca e poi come sostituto procuratore al tribunale di Palermo. Nel 1984 è stato giudice a latere nel primo maxiprocesso a Cosa Nostra, in cui erano imputate 475 persone, quindi è stato nominato consulente della Commissione Antimafia.

Nel 1991 è stato nominato procuratore aggiunto della Direzione nazionale antimafia (Dia), applicato nelle Procure di Palermo e Firenze, dove ha coordinato le inchieste sulle stragi del 1992 e 1993. Nel 1999, Grasso è nominato procuratore del tribunale di Palermo: sotto la sua direzione, in quattro anni, vengono arrestate 1779 persone per reati di mafia e 13 latitanti.

Nel 2005 è subentrato a Pier Luigi Vigna in qualità di procuratore nazionale antimafia. Il suo lavoro ha contributo in modo determinante alla cattura di Bernardo Provenzano (nel 2006), che era latitante dal 1963, e alla conclusione dell'indagine sulle cosche mafiose di Vibo Valentia. Nel dicembre del 2012 Grasso ha deciso di lasciare la magistratura e candidarsi al Senato nelle liste del Partito Democratico.

Nel suo discorso di insediamento, Grasso ha esordito indicando l'affresco sul soffitto dell'aula del Senato: «Si leggono queste parole: lavoro, giustizia, diritto, fortezza e concordia. A ciò dobbiamo ispirarci. Siamo in un passaggio storico straordinario, abbiamo la responsabilità di indicare un cambiamento possibile, dobbiamo iniziare una nuova fase costituente che sappia stupire e stupirci».

Pietro Grasso ha poi ricordato l'anniversario del rapimento di Aldo Moro, le altre vittime del terrorismo e quelle della mafia, i disoccupati, gli esodati, i precari e tutti coloro che soffrono nella quotidianità le conseguenze di questa grave crisi economica. Ha auspicato l'avvio di un percorso di cambiamento. «Nei 152 anni della nostra storia, soprattutto nei momenti più difficili» - ha detto il neopresidente - «abbiamo saputo unirci, superare le differenze, affermare i valori comuni e trovare insieme un cammino condiviso. Dobbiamo farlo anche oggi».

Leggi anche:

>>Camera, il nuovo presidente è Laura Boldrini

>>Come si eleggono i presidenti di Camera e Senato

 

DA STYLE.IT

  • Sposa

    Quanto costa un matrimonio?

    “Perché non vi sposate?”, “Perché costa troppo!”. Questo è un dialogo che oggigiorno si sente spessissimo. In parte è vero, ma molte volte è leggenda. In ogni caso, facciamo chiarezza su quanto costa sposarsi oggi in Italia. Più o meno.

    • 0
    • 0
  • Sposa

    Licenza matrimoniale: cos'è e come funziona?

    Dopo il matrimonio, di solito gli sposi partono per il viaggio di nozze, sfruttando i giorni concessi sul lavoro definiti solitamente 'licenza matrimoniale'. Ma in cosa consiste esattamente e come ne si usufruisce?

    • 0
    • 4
  • Sposa

    Save the date: “L'Orto delle arti” a Cuneo

    Una giornata all'insegna della creatività e della fantasia, con uno spazio tutto dedicato agli sposi: questo è “L'Orto delle arti”, un appuntamento imperdibile per chi è in procinto di sposarsi. Save the date!

    • 0
    • 10
  • Mamma

    Tautaggi in gravidanza: sì o no?

    La risposta è semplicissima: no. Bisogna aspettare non solo che sia nato il bambino, ma anche che sia terminato il periodo di allattamento. E così, per chi vuole disegnarsi il corpo, non resta che aspettare

    • 0
    • 0

TAG CLOUD