Battiato: «In Parlamento troie che farebbero tutto»

di Francesca Porta 

Il cantautore e assessore al Turismo della Regione Sicilia pronuncia una frase choc che provoca la reazione sdegnata di Laura Boldrini: «Parole volgari e offensive»

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Franco Battiato a Bruxelles - Foto Ansa

Franco Battiato a Bruxelles - Foto Ansa

«Ci sono troie in giro in Parlamento che farebbero di tutto. Dovrebbero aprire un casino». È questa la frase choc pronunciata oggi da Franco Battiato, celebre cantautore e assessore al Turismo della Regione Sicilia, durante un incontro istituzionale sul turismo tenutosi a Bruxelles, nella sede del Parlamento europeo.

Com'era prevedibile, le parole di Battiato hanno scatenato una vasta polemica. «Parole volgari e offensive», le ha definite il presidente della Camera Laura Boldrini. «Stento a credere che un uomo di cultura come Franco Battiato, peraltro impegnato ora in un'esperienza di governo in una regione importante come la Sicilia, possa aver pronunciato parole tanto volgari».

«Da presidente della Camera dei Deputati e da donna» - ha dichiarato la Boldrini - «respingo nel modo più fermo l'insulto che da lui arriva alla dignità del Parlamento. Neanche il suo prestigio lo autorizza a usare espressioni così indiscriminatamente offensive. La critica alle manchevolezze della politica e delle istituzioni può essere anche durissima, ma non deve mai superare il confine che la separa dall'oltraggio».

La reazione forte e decisa del presidente della Camera ha spinto Battiato a precisare: «Prendo atto con dispiacere che il senso della mia frase, che ovviamente si riferiva a passate esperienze politiche caratterizzate da una logica di mercimonia offensiva della dignità delle donne, sia stato travisato e interpretato come un'offesa al Parlamento attuale, per il quale ho stima, o per le donne o al Parlamento europeo».

«Era evidente che il riferimento era a passate stagioni parlamentari che ogni italiano di buon senso vuole dimenticare. Stagioni caratterizzate da malaffare politico. La frase non era certo sessista», ha quindi spiegato il cantautore. «Facevo semplicemente riferimento alla "prostituzione" che c'era nel Parlamento italiano, sia maschile che femminile. Parlavo sia di uomini che di donne»

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD