Napoli, sequestrata area ex Italsider. La Procura: «Disastro ambientale»

di Francesca Porta 

Indagati 21 ex dirigenti della società «Bagnoli Futura» e di vari enti locali. L'ipotesi di reato è truffa e disastro ambientale

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


La bonifica dell'area ex Italsider - Foto AP/LaPresse

La bonifica dell'area ex Italsider - Foto AP/LaPresse

Le aree dell'ex Italsider e dell'ex Eternit di Bagnoli (Napoli) sono state sequestrate dai carabinieri nell'ambito di un'indagine della Procura di Napoli condotta dal pm Stefania Buda con il coordinamento dei procuratori aggiunti Francesco Greco e Nunzio Fraiasso. Nell'inchiesta sono indagati 21 ex dirigenti della società «Bagnoli Futura» e di vari enti locali. Le ipotesi di reato sono gravissime: truffa ai danni dello Stato e disastro ambientale.

Sotto accusa sono gli interventi di bonifica delle due aree, costati 107 milioni di euro e condotti talmente male da aver aggravato l'inquinamento invece di risolverlo. Secondo la Procura, le vicende legate alla bonifica sono avvenute «in un contesto generalizzato di conflitto d'interesse. Tutti gli enti pubblici istituzionalmente preposti al controllo dell'attività di bonifica, quali Arpac, Comune e Provincia di Napoli, si sono venuti a trovare in una situazione di palese conflitto».

Questo perché «l'interscambio dei ruoli tra controllori e controllati e il conflitto di interessi degli enti pubblici», insieme al comportamento dei soggetti responsabili della vigilanza sulla salvaguardia ambientale hanno determinato «il progressivo scadimento degli obiettivi di bonifica e dei controlli ambientali, causando un disastro ambientale».

Secondo i pm, la bonifica è stata dunque solo «virtualmente effettuata» e ha di fatto «comportat una miscelazione dei pericolosi inquinanti su tutta l'area oggetto della bonifica con aggravamento dell'inquinamento dei suoli rispetto allo stato pre-bonifica». Alla luce dei dati raccolti, è quindi ipotizzabile il reato di truffa ai danni dello Stato, «in relazione all'illecita percezione di denaro pubblico».

Con il provvedimento di sequestro, il gip ha anche disposto un «dettagliato piano di interventi finalizzato a un'adeguata bonifica e messa in sicurezza» delle due aree.

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD