Enrico Letta in tv: «Abbassare le tasse sul lavoro»

di Francesca Porta 

Il presidente del Consiglio, ospite a Che tempo che fa, ha illustrato i punti fondamentali del programma del suo governo. A partire dal tema del lavoro

Francesca Porta

Francesca Porta

Leggi tutti


Enrico Letta ospite da Fabio Fazio a Che tempo che fa - Foto
SplashNews

Enrico Letta ospite da Fabio Fazio a Che tempo che fa - Foto SplashNews

«La priorità è il lavoro per i giovani». Enrico Letta non ha dubbi: in cima alla lista delle "cose da fare" del nuovo governo c'è la questione lavoro. In particolare per quanto riguarda i giovani e l'accesso al mercato del lavoro. «Tra i primi provvedimenti deve esserci l'abbassamento delle tasse sul lavoro per i neo assunti e per questo mi batterò in Europa e in Italia».

Se i giovani non lavorano, ha spiegato il premier durante l'intervista concessa ieri a Fabio Fazio, a Che tempo che fa,  non comprano case, non fanno figli, non consumano. E in questo modo, uscire dalla recessione è impossibile. «Ci sono diverse misure concrete su cui stiamo lavorando», ha detto Letta. «Ad esempio quello della staffetta generazionale: un meccanismo per cui invece di andare seccamente in pensione si prevede un'uscita graduale accompagnata da un ingresso graduale di un giovane».

Accanto al tema del lavoro giovanile, Letta pone come priorità il problema della cassa integrazione. «Troppe persone in Italia sono in una condizione disperata. Serve una riforma della Cig che dia più tutele e soprattutto che sia più estesa a chi perde il lavoro e faccia in modo che ci torni con un bagaglio di riqualificazione».

Il presidente Letta ha poi parlato della necessità di attuare delle riforme istituzionali: la riduzione dei costi della politica, l'abolizione del finanziamento pubblico ai partiti e, soprattutto, la revisione della legge elettorale. «Questo non è certo il governo ideale per gli italiani», ha detto il premier. «È andata così per colpa di una legge elettorale balorda, che crea ingovernabilità . Va cambiata assolutamente. Male che vada, sarebbe comunque meglio ripristinare la legge precedente, invece che tornare alle urne così».

Altro tema citato, e tanto discusso in questi giorni, è quello dell'Imu. «L'imposta andrà superata», ha dichiarato Letta. «Intanto interverremo per sospendere la rata di giugno con un decreto, poi metteremo in campo un processo di riforma». Il presidente del Consiglio ha dunque precisato che l'Imu «non è una cosa di Berlusconi. Il suo superamento faceva parte dei programmi di tutti e tre i partiti politici che sostengono il governo». Sempre per quanto riguarda il tema delle imposte, Letta ha infine dichiarato di star lavorando per scongiurare il nuovo aumento dell'Iva previsto per luglio.

Infine, il premier ha preso un impegno preciso su cultura, scuola e ricerca. «Se ci saranno tagli nell'ambito della cultura, dell'istruzione e della ricerca, io rassegnerò le dimissioni».

Leggi anche:

>>Governo Letta, nominati i viceministri e i sottosegretari

DA STYLE.IT

  • News

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

    Meteo: stop al caldo, torna l'inverno

  • News

    Arrestata infermiera killer a Piombino

    Arrestata infermiera killer a Piombino

  • News

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

    I genitori di Giulio Regeni: «Vogliamo verità e giustizia per nostro figlio»

  • News

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

    Oscar 2016, trionfo Spotlight ma anche DiCaprio

TAG CLOUD